Crea sito

Pasta caprese

La pasta caprese è un primo estivo che coniuga la freschezza di pomodoro e mozzarella con la sapidità del pesto di rucola, creando un piatto che ha un aspetto familiare ed un gusto fresco e aromatico. Ottima sia calda che fredda, contiene in sé l’essenza dei gusti del Mediterraneo.

I pomodori sono l’ortaggio più coltivato e più amato al mondo insieme alle patate. La pianta è originaria del Sud America, ma nel tempo si è fatta apprezzare e coltivare in tutto il mondo. Il contenuto di grassi è praticamente nullo, invece importante è la presenza di potassio, fosforo, vitamina C, vitamina K, folati e in licopene (che dona il caratteristico colore rosso) ed ha un forte potere antiossidante e antinfiammatorio.

La rucola, che qui tritiamo per realizzare il pesto con cui condire la pasta, è un grande toccasana. Pensate che era venerata dagli antichi Romani che la ritenevano un protettivo dello stomaco, un diuretico e soprattutto un ingrediente afrodisiaco 😉 e la sua pianta era dedicata al dio Priapo, simbolo di fertilità e virilità.

Oggi è considerata un vero superfood ad azione battericida, antinfiammatoria e antiage. E’ un’insalata molto ricca di fibre e contiene calcio, ferro, potassio, fosforo e vitamine di tutti i gruppi (in particolare C e B).

La pasta caprese, con questi due ingredienti di base, unita all’oro bianco della mozzarella di bufala DOP, una manciata di mandorle, aglio e olio extra vergine di oliva, crea così un piatto super salutare con un gusto e una freschezza unici.

Ed è anche molto veloce da preparare. Insomma: da mangiare ogni volta che si può…

Pasta caprese
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaBollitura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Ingredienti per la pasta

  • 320 gpasta secca corta
  • 200 gmozzarella di bufala campana DOP
  • q.b.pomodorini ciliegino
  • q.b.basilico

Ingredienti per il pesto di rucola

  • 50 gparmigiano Reggiano DOP
  • 50 grucola
  • 20 gmandorle pelate
  • Mezzo spicchioaglio
  • 70 golio extravergine d’oliva
  • 1/2 cucchiainosale
  • 200 gpomodori

Strumenti

  • 1 Pentola
  • 1 Ciotola
  • 1 Robot da cucina o tritattuto
  • 1 Tagliere
  • 1 Coltello
  • Scolapasta

Preparazione

  1. Pasta caprese

    Preparare il pesto di rucola.

    Lavare la rucola e metterla nel robot da cucina o nel tritatutto. Aggiungere il parmigiano reggiano, le mandorle, lo spicchio d’aglio, l’olio EVO e il sale.

    Frullare tutto sino a che risulta un composto ben omogeneo.

    Aggiungere i pomodori e frullare tutto insieme nuovamente. Il vostro pesto di rucola è pronto!

    Preparare la pasta.

    Portare ad ebollizione una pentola per pastasciutta con abbondante acqua. Salare e cuocere la pasta per il tempo indicato.

    Trascorso il tempo di cottura, scolare la pasta e condirla con il pesto di rucola preparato in precedenza.

    Unire la mozzarella di bufala campana DOP tagliata a pezzi non troppo piccoli, i pomodori ciliegie interi e decorare con le foglie di basilico.

    Consiglio: per una pasta esteticamente più bella potete usare pomodorini di vario colore: gialli, arancioni, verdi e rossi.

    Consumare calda o fredda, a piacere!

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata ad Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.