Crea sito

Pasta al salmone affumicato… ricetta vintage

La pasta al salmone affumicato è una delle ricette più amate per la sua facilità di realizzazione e per il suo sapore molto gustoso.

Mi piace definirla vintage perché era un primo piatto molto in voga negli anni ’80 insieme al risotto allo champagne e alle penne alla vodka. Quelli della mia età se lo ricordano benissimo!

Il condimento si prepara mentre cuoce la pasta e così in pochissimo tempo si porta a tavola un primo piatto che piace molto a chi ama il pesce e il gusto leggermente affumicato.

Scegliete del salmone di prima qualità… se non lo trovate potete sostituirlo con la trota affumicata, molto buona e prodotta in Italia da alcune aziende coraggiose e innovative davvero serie.

In questa versione, è presente la panna (non tutti la amano, lo so, ma qui ci sta bene!). Comunque è possibile realizzare questo sughetto anche senza.

Seguite passo dopo passo la mia ricetta e poi fatemi sapere se vi è piaciuta!

Pasta al salmone affumicato… ricetta vintage
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 320 gPenne Rigate
  • 200 gSalmone affumicato (o trota)
  • 40 gOlio EVO
  • 1 bicchierinoWhisky
  • MezzoLimone
  • 4 cucchiaiPanna
  • 1Cipollotto fresco
  • q.b.Sale e pepe

Strumenti

  • Coltello
  • Tagliere
  • Wok o padella antiaderente
  • Pentola per la pasta
  • Colino / Scolapasta

Preparazione

  1. Pasta al salmone affumicato… ricetta vintage

    In uno wok (o padella) far soffriggere il cipollotto a fettine con l’olio.

    Poi unire il salmone a pezzettini, mescolare e irrorare con il succo di limone.

    Fare evaporare, aggiungere whisky ( o cognac) e far evaporare.

    Aggiustare di sale e pepe e cuocere 2/3 minuti.

    Nel frattempo cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolarla piuttosto al dente.

    Trasferirla nello wok e spadellare per un minuto.

    Servire calda.

Altre ricette

In ricetta ho utilizzato “CARTE NOIRE” olio extra vergine di oliva DOP Riviera Ligure Riviera dei Fiori di Olio ROI.

Vi potrebbero interessare anche gli spaghetti al pomodoro, le busiate al ragù di tonno e cannellini, le linguine con alici fresche, pomodorini e pane croccante, la pasta con taccole e zucchine e la pasta caprese.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su  YouTube,  Facebook,  Instagram,   Pinterest,  Twitter  e Telegram. Ma se preferite la forma cartacea ho pubblicato anche il libro La mia politica in cucina. 

In questo contenuto possono essere presenti uno o più link di affiliazione.

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.