Crea sito

Girelle di lasagne con funghi e besciamella

Le girelle di lasagne con funghi e besciamella sono un primo piatto originale e gustosissimo: spirali di pasta fresca, chiamate anche nidi di rondine farcite in modo raffinato e gratinate al forno.

Per le lasagne da utilizzare ci sono diverse opzioni a seconda del tempo che avete a disposizione. Se le volete realizzare con l’impasto base tradizionale fatto in casa, guardate la ricetta delle lasagne alla bolognese. Oppure potete comprarle già pronte presso un negozio pasta fresca. Per una versione super veloce, al supermercato ne esistono anche di ottime da banco frigo da utilizzare direttamente senza precottura, basta lasciare la besciamella un po’ più liquida. I tempi di questa ricetta sono calcolati con queste ultime.

La farcitura è a base di besciamella a cui ho aggiunto un po’ di crescenza per dare maggior sapore e funghi. A seconda della stagione si possono utilizzare funghi porcini o galletti oppure degli ottimi champignon, diffusissimi e di grande consumo un po’ ovunque. Leggeri e delicati, facili da pulire, sono il tipo di fungo maggiormente “allevato” in tutta Italia e per questo reperibile tutto l’anno.

Siete pronti per preparare anche voi queste ghiotte spirali farcite? Mettiamoci subito al lavoro!

Girelle di lasagne con funghi e besciamella
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 250 glasagne
  • 200 gstracchino
  • 400 gfunghi champignon
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • 1 spicchioaglio
  • q.b.sale e pepe
  • 500 mllatte
  • 40 gburro
  • 40 gfarina
  • 1 pizziconoce moscata
  • q.b.parmigiano grattugiato e burro

Strumenti

  • Pentola
  • Frusta a mano
  • Pirofila da forno
  • Cucchiaio
  • Padella
  • Cucchiaio di legno
  • Coltello
  • Carta assorbente
  • Tagliere

Preparazione

Funghi trifolati

  1. Funghi porcini trifolati

    Pulire per bene i funghi, possibilmente senza acqua. Raschiare la parte sporca con un coltellino e passare della carta assorbente inumidita (o uno strofinaccio).

    Tagliarli a fette.

    In una padella far soffriggere due minuti in olio evo lo spicchio di aglio.

    Aggiungere i funghi e lasciar cuocere a fuoco medio per circa 10 minuti. I funghi dovranno essere morbidi.

    Aggiustare di sale e pepe. Tenere da parte.

Besciamella alla crescenza

  1. Besciamella

    Se vi fa piacere guardate il video su come preparare la besciamella. Lo trovate incorporato sotto l’introduzione.

    Sciogliere il burro in un pentolino, aggiungere la farina e cuocere mescolando 30 secondi.

    A fuoco spento versare il latte poco alla volta, mescolando con una frusta o un leccapentole.

    Riaccendere il fuoco e portare ad ebollizione per fare addensare. Quando raggiunge la densità voluta, spegnere il fuoco, aggiustare di sale e, se vi piace, aggiungere un pizzico di noce moscata.

    Unire la crescenza e mescolare.

Comporre le lasagne e cuocerle

  1. Girelle di lasagne con funghi e besciamella

    Prendere i rettangoli di lasagne. Lavorare su un tagliere o altro piano di lavoro.

    Attenzione: se utilizzate le lasagne fatte in casa, sbollentarle prima, poche alla volta, in abbondante acqua salata per 2 minuti. Scolarle con la schiumarola in acqua e ghiaccio e poi stenderle su una tovaglia pulita ad asciugare.

    Su ogni rettangolo di lasagne, spalmare la besciamella e distribuire un po’ di funghi. Arrotolare le sfoglie sul ripieno, partendo dal lato corto e tagliare le girelle di altezza 2/3 cm. Disporle nella pirofila imburrata.

    Ripetere l’operazione con tutte le sfoglie di lasagna a disposizione.

    Poi, se vi piace, cospargere con parmigiano grattugiato. Aggiungere qualche fiocchetto di burro e infornare a 200°C ventilato per circa 20 minuti.

Note e altre ricette

Potrebbero interessarvi anche le lasagne alla Portofino, i cannelloni all’italiana, le lasagne ai carciofi e crema di stracchino e la torta di rigatoni.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su  YouTube,  Facebook,  Instagram,   Pinterest,   Twitter  e Telegram. Ma se preferite la forma cartacea ho pubblicato anche il libro La mia politica in cucina. 

In questo contenuto possono essere presenti uno o più link di affiliazione.

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.