Crea sito

Frittelle di riso con la Morbidezza

Le frittelle di riso con la Morbidezza sono la dimostrazione che in cucina basta mettere un po’ di fantasia e gli avanzi possono trasformarsi in ingredienti straordinari per ricette gustose e originali.

Queste frittelle sono realizzate in collaborazione con il Caseificio Val d’Aveto che con me condivide l’attenzione e la promozione di comportamenti virtuosi per difendere il nostro pianeta, l’unico che abbiamo!

Contrastare lo spreco alimentare con azioni concrete, anche piccole come cucinare un piatto, deve diventare per tutti noi una priorità del nostro agire quotidiano.

Ad esempio, se vi avanza del riso bollito o del risotto potete preparare queste magnifiche frittelle, croccanti all’esterno e morbide all’interno grazie all’utilizzo del formaggio Morbidezza: una caciottina fresca da latte intero pastorizzato con fermenti lattici selezionati.

La sua pasta è compatta, vellutata e morbida che si distingue per il suo gusto delicato e tenue. Si gusta principalmente come formaggio da coltello ma è un ottimo ingrediente anche fuso. Molto adatto per questa ricetta di economia circolare! 😉

Sponsorizzato da Caseificio Val d’Aveto

Frittelle di riso con la Morbidezza
  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni20 frittelle
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 200 gRiso bollito o risotto avanzato
  • 100 gformaggio Morbidezza
  • 100 mlLatte
  • 70 gFarina 00
  • 2Uova
  • Origano
  • Sale e pepe
  • Olio di semi per friggere

Strumenti

  • Tritatutto
  • Ciotola
  • Frusta a mano
  • Forchetta
  • Pentola per friggere dai bordi alti
  • Mestolo per frittura
  • Carta paglia
  • Cucchiaio

Preparazione

Se vi fa piacere potete guardare le videoricetta che ho registrato per voi.
  1. Frittelle di riso con la Morbidezza

    Tritare il formaggio Morbidezza.

    In una ciotola sbattere le uova con la frusta a mano e poi amalgamare la farina e il latte.

    Quando la pastella è liscia e omogenea, senza grumi, aggiungere il riso e il formaggio tritato. Mescolare.

    Aggiustare di sale e pepe e aromatizzare con l’origano (oppure con prezzemolo tritato o basilico).

    Attenzione: il risotto è già salato per cui fate attenzione alla quantità di sale e assaggiate sempre… come fanno i grandi chef.

    La pastella risulterà piuttosto fluida, vedi videoricetta.

    Scaldare l’olio nella pentola e versare il composto con l’aiuto di un cucchiaio. Friggere le frittelle fino a che diventano dorate su tutta la superficie.

    Scolarle con l’apposito mestolo e metterle ad asciugare un un foglio di carta paglia.

    Servire calde con un’insalata di stagione. Buon appetito!

Altre ricette

Se vi fa piacere potete guardare le videoricetta che ho registrato per voi.

Con i prodotti del Ceseificio Val d’Aveto date un’acchiata al pane Naan con lo yogurt e ad asparagi, fragole e cialde di San Ste.

Potrebbero piacervi anche altre ricette anti spreco come: risotto con gli avanzi, riso al salto con crema di formaggio, i mondeghili e i friscioi da nonna Catainin.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su  YouTube,  Facebook,  Instagram,   Pinterest,   Twitter  e Telegram. Ma se preferite la forma cartacea ho pubblicato anche il libro La mia politica in cucina. 

In questo contenuto possono essere presenti uno o più link di affiliazione.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.