Focaccette (tipo) di Crevari

Le focaccette (tipo) di Crevari suscitano in me e in molti liguri tantissime emozioni.

A Crevari, un borgo panoramico bellissimo di antichissime tradizioni che domina il crinale più a ponente della città di Genova, le focaccette sono una vera istituzione. Gli abitanti ne conservano con cura i segreti di famiglia per prepararle perfette.

La mia ricetta, infatti, non è quella originale perchè nessuno a Crevari me l’avrebbe mai insegnata… 😉 ma il risultato si avvicina molto. Pensate che è stato richiesto il marchio De.Co. (denominazione comunale) per la tutela delle attività agroalimentari e le tradizioni locali. 

Questa preparazione, che è diventata un vero e proprio street food è stata da sempre una delle principali attrazioni delle feste dell’Unità. In molti, anche chi non condivideva certe idee politiche, ci andava apposta per gustarle! 🙂

Inoltre, le focaccette non mancano mai in alcune ricorrenze locali come la Festa patronale di Sant’Eugenio a fine luglio.

Da non confondersi con le fugassette al formaggio di Sori, queste di Crevari sono buonissime, soffici all’interno e croccanti esternamente. Bisogna fare attenzione a non farne indigestione perchè una tira l’altra. 🙂

Ottime accompagnate con salumi e formaggi oppure con il pesto o in versione dolce con la crema di nocciole. A settembre provatele anche con salame e fichi. 😉

Focaccette di Crevari
  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo3 Ore
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni10 focaccette
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 400 gfarina (W 320)
  • 200 gpatate bollite
  • 1cubetto lievito di birra fresco
  • 3 cucchiaiolio extravergine d’oliva
  • q.b.sale
  • 100 mllatte tiepido
  • 50 mlacqua tiepida
  • q.b.olio per friggere

Strumenti

  • Ciotola o impastatrice
  • Leccarda e carta forno
  • Pentola per friggere
  • Mestolo per fritti
  • Carta paglia
  • Pentola a pressione e scolapasta
  • Forchetta
  • Pellicola per alimenti

Preparazione

  1. Focaccette di Crevari

    Bollire le patate con la buccia in pentola a pressione per un quarto d’ora. In pentola normale per 30 minuti.

    Farle intiepidire, togliere la pelle, schiacciarle con una forchetta.

    Sciogliere il lievito in acqua e latte tiepido.

    Impastare la farina e le patate nella planetaria con il gancio (o a mano) con acqua, latte, olio e lievito. Inserire il sale solo all’ultimo.

    Quando avrete un impasto omogeneo, lasciare riposare per un’oretta coperto da pellicola.

    A questo punto, formare 10 palline. Adagiarle sulla leccarda coperta di carta forno ben distanziate tra loro.

    Lasciarle lievitare per due ore nel forno con la luce accesa.

    Terminata la lievitazione, scaldare abbondanete olio per frittura in una pentola dai bordi alti.

    Schiacciare un pochino le palline con il palmo della mano per formare dei dischi e friggerle una o due per volta nell’olio caldo, facendole cuocere per pochi minuti per lato fino a quando saranno dorate.

    Farle asciugare su carta da fritto (paglia). I

    Consiglio: io per mantenerle calde accendo il forno a 80°C e le lascio dentro mentre finisco di cuocerle tutte.

    Servire le focaccine di Crevari belle calde farcite a piacere!

Consigli e altre ricette

Se cercate una buona pentola a pressione, vi consiglio la Lagostina Clipso Perfect.

Se vi è piaciuta questa ricetta potrebbero interessarvi anche: le fugassette al formaggio di Sori, la focaccia al formaggio di Recco, la torta pasqualina o i pansotti.

Se vi piacciono le mie ricette potete seguirmi su  YouTube,  Facebook,  Instagram,   Pinterest,   Twitter  e Telegram. Ma se preferite la forma cartacea ho pubblicato anche il libro La mia politica in cucina. 

In questo contenuto possono essere presenti uno o più link di affiliazione.

4,6 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.