Crea sito

Crema di cavolo nero e cannellini

La crema di cavolo nero e cannellini è una vera e propria coccola capace di creare un’atmosfera calda e avvolgente quando alla sera ci sediamo a tavola dopo una lunga giornata di lavoro o di studio. Facilissima da preparare, vi consiglio di cucinarla in anticipo così da averla pronta solo da riscaldare quando si arriva stanchi a casa.

Un piatto semplice ma non banale che abbina sapori tipici della tradizione toscana (il cavolo nero e i fagioli cannellini tipici della più classica ribollita) al tocco speziato della curcuma.

Le minestre, le vellutate e le creme sono piatti della cucina povera che venivano preparate, soprattutto nella stagione più fredda, con gli ingredienti che l’orto offriva. Oggi sono considerate un vero e proprio comfort food, leggere e nutrienti, soprattutto quando si aggiungono i legumi che le arricchiscono di proteine e le rendono belle cremose.

Questa vellutata è buonissima servita con formaggio fresco e/o con crostini di pane croccante (io ho usato quelli del biscottificio Grondona) da aggiungere direttamente nel piatto oppure da portare in tavola separatamente in modo che ognuno si serva come preferisce.

Crema di cavolo nero
  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura35 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaBollitura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 60 gcipolla
  • 30 golio extravergine d’oliva
  • 1carota
  • 150 gcavolo nero (pulito e a pezzi)
  • 100 gpatate, pelate e a pezzi
  • 500 gbrodo vegetale (o acqua e dado bio)
  • 250 gfagioli bianchi (cannellini) già cotti
  • 1 pizzicosale
  • 1 cucchiainocurcuma in polvere
  • 1macinata di pepe nero
  • crostini di pane e/o fromaggio cremoso

Strumenti

  • Pentola
  • Frullatore a immersione o frullatore
  • Tritatutto
  • Pelapatate
  • Coltello
  • Cucchiaio di legno

Preparazione

  1. Crema di cavolo nero

    Lavare le foglie del cavolo nero e togliere la parte centrale più dura. Per farlo, prendere la foglia dalla base e tirare. In un attimo, la parte verde più tenera vi rimarrà tra le mani.

    Lavare bene e tagliare a pezzi.

    Pelare carota e patata. Lavare e tagliare a pezzi.

    Tritare la cipolla e farla rosolare con un filo di olio per due minuti.

    Aggiungere il cavolo nero, la patata e la carota tritati e farli insaporire tre minuti.

    Poi versare il brodo vegetale e e cuocere circa mezz’ora. Quando mancano 5 minuti alla fine, aggiungere anche i fagioli cannellini e la curcuma in polvere.

    Aggiustare di sale e renderla una crema con il frullatore ad immersione.

    Servire la crema nei piatti bella calda con una macinata di pepe nero, un filo di olio crudo.

    A piacere accompagnare con crostini di pane e/o formaggio cremoso tipo robiola.

Altre ricette

Se vi piacciono le zuppe e le minestre potrebbero interessarvi la vellutata di borccolata romana, la vellutata di zucchine, la crema di piselli, lo zemin de ceixei, la vellutata di carote e topinambur, la minestra di carne e piselli, la crema di lattuga, la zuppa di orzo e legumi, la zuppa di farro e castagne e la crema di lenticchie aromatizzata.

Se non volete perdere le mie ricette seguitemi su  YouTube,   Facebook,   Instagram,   Pinterest,   Twitter   e Telegram.

4,4 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Renata Briano

Nata a Genova (GE) nel 1964, è laureata in Scienze Naturali e ha lavorato come ricercatrice presso l'ITD del CNR e presso ARPA Liguria. Dal 2000 al 2010 è Assessore all'Ambiente e allo Sviluppo Sostenibile, Caccia e Pesca della Provincia di Genova. Dal 2010 al 2014 ha ricoperto l'incarico di Assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile in Regione Liguria. Dal 2014 al 2019 è stata Europarlamentare e Vicepresidente della Commissione Pesca al Parlamento Europeo. Da settembre 2019 è Food Blogger, dopo aver preso il diploma da "Chef fuoriclasse" presso il Centro Europeo di Formazione. Mamma di Francesco, è sposata con Luciano Ricci, scrittore. Non si separa mai dal suo barboncino Attila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.