Crea sito

Girasole salato ricotta e spinaci,ricetta salata

La ricetta del girasole salato ricotta e spinaci impazza nel web e siccome io sono curiosa come una scimmia, mi sono voluta cimentare nella sua preparazione. Il girasole salato è di grande effetto scenografico ed è ideale da proporre con l’arrivo della bella stagione perché appunto, ha la forma di un girasole. Per la sua preparazione occorre un po’ di pazienza e di manualità, ma nel complesso ne vale davvero la pena. Il girasole salato è una torta salata, preparata con la pasta brisée e farcita di ricotta e spinaci, ideale da proporre, per un buffet all’aperto tra amici o per una ricorrenza particolare; io l’ho preparato per inaugurare la stagione dei miei pranzi in veranda ed ho avuto davvero un successone.

Girasole salato ricotta e spinaci

Girasole salato ricotta e spinaci

Ingredienti per 6/8 persone:

  • 2 confezioni di pasta brisée rotonda da 230 g
  • 300 g di spinaci surgelati
  • 400 g di ricotta fresca
  • 2 uova + 1 per spennellare
  • 80 g di grana padano
  • 30 g di burro
  • una grattatina di noce moscata
  • sale e pepe q.b.
  • 20 g di pangrattato
  • semi di sesamo q.b. (per decorare)

Preparazione:

Per preparare il girasole salato, per prima cosa, mettete gli spinaci ancora surgelati in una capiente padella, sul fuoco e fateli scongelare, rigirandoli spesso. A metà cottura aggiungete il sale. Quando gli spinaci saranno cotti, eliminate l’acquetta che si sarà formata e aggiungete, nella stessa padella, il burro e una parte di grana padano grattugiato (tenendone da parte la metà che vi servirà dopo).

Lasciate raffreddare gli spinaci, tagliuzzateli con un paio di forbici e trasferiteli in una terrina, dove avrete già messo la ricotta, le uova e il restante grana padano grattugiato. Regolate di sale e di pepe, aggiungeteci una grattatina di noce moscata e aiutandovi con un cucchiaio di legno, amalgamate tra di loro gli ingredienti, fino a farlo diventare un composto cremoso.

Adagiate ora, su di una leccarda, la pasta brisée con la sua carta forno, bucherellatela con i rebbi di una forchetta e spolverizzatene la superficie con il pangrattato. Distribuite il ripieno di ricotta e spinaci al centro, a forma di cupoletta e intorno, a cerchio.

Girasole salato (in preparazione)

Coprite con l’altra confezione di pasta brisée e adagiate al centro, sulla cupoletta, una tazza o una ciotolina e con l’aiuto di uno stuzzicadenti, fate dei fori, distanziati tra di loro di circa 3 cm. Sigillate ora i bordi del girasole salato, aiutandovi con i rebbi di una forchetta, affinché il ripieno non fuoriesca e con l’aiuto di un coltello affilato, tagliate delle fette partendo dai fori sino al bordo esterno del girasole e ruotate ogni fetta di 45°.

Spennellate tutta la superficie del girasole salato con l’uovo sbattuto e spolverizzate il centro (ossia la cupoletta) di semi di sesamo (ci andrebbero bene anche i semi di papavero, ma io non li ho trovati).

Infornate a 180° per circa 40-45 minuti, fino a quando la superficie del girasole salato sarà bella dorata, poi sfornate, lasciate intiepidire e servitelo su di un piatto da portata, dove questa meraviglia farà mostra di sé. Il girasole salato è ottimo anche freddo.

Un consiglio: se avete tempo e voglia potreste preparare la pasta briséè (cliccate qui per la mia ricetta) in casa ed evitare di comprare quella confezionata. Naturalmente il sapore del vostro girasole salato sarà più genuino e sicuramente più apprezzato dai vostri commensali. Volendo, potreste aggiungere al ripieno anche del prosciutto cotto, del prosciutto di praga o della mortadella tritata, ma in questo caso la ricetta  non sarà più adatta ai vegetariani.

Seguitemi anche sulla mia pagina facebook!!!

6 Risposte a “Girasole salato ricotta e spinaci,ricetta salata”

    1. ha un effetto scenografico spettacolare Silvia…..prova a farlo e poi fammi sapere…..buona giornata 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.