Crea sito

Mandorle pralinate

Le mandorle pralinate non possono mancare durare le festività natalizie. Anche se, a dirla tutta, sono buone sempre. Sono facilissime da preparare e finiscono in un niente perché una tira l’altra e non si riesce a smettere di mangiarle. Le mandorle pralinate vengono anche chiamate “addormentasuocere” proprio per questo motivo. Tenetelo in considerazione come rimedio alla malignità di vostra suocera… non si sa mai!

Mi è venuta un’idea: perché non le preparate e le regalate per natale? Sicuramente tutti apprezzeranno! 😉

mandorle pralinate

Mandorle pralinate

<>

INGREDIENTI

200 g di mandorle sgusciate

200 g di zucchero semolato

1 cucchiaino scarso di cacao amaro

1 bustina di vanillina

1 bicchiere (200 ml) di acqua

PREPARAZIONE

Mettete le mandorle in una padella antiaderente. Aggiungete lo zucchero, il cacao amaro, la vanillina e l’acqua e mettete il tutto sul fuoco a fiamma moderata.

Lasciate che lo zucchero si sciolga e da quel momento in poi mescolate in continuazione.

Piano piano l’acqua evaporerà e lo zucchero diventerà sempre più denso fino a cristalizzarsi e a rivestire le mandorle. In questo preciso momento togliete la padella dal fuoco, mescolate velocemente e rimettetela sul fuoco a fiamma bassa. Piano piano lo zucchero si scioglierà e avvolgerà le mandorle, caramellandole.

Quindi versate le mandorle pralinate su un piano di lavoro coperto con carta forno, staccatele l’una dall’altra (senza scottarvi!) e lasciatele raffreddare completamente.

Quando saranno ben fredde e asciutte, ma soprattutto se ce ne saranno ancora (sì, perché le mangerete subito!), conservate le mandorle pralinate in un vasetto di vetro in un luogo fresco e asciutto.

<>

Se questa ricetta è stata di vostro gradimento e volete essere sempre aggiornati sulle nuove pubblicazioni, seguitemi anche sulle mie pagine social:Facebook,Google+TwitterInstagram e Pinterest

oppure

iscrivetevi alla mia Newsletter o al mio canale Youtube.

Torna alla Home →

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.