Crea sito

Focaccia dolce della befana

E come ogni anno, a conclusione delle festività, c’è l’Epifania, festa molto amata dai bambini… e non solo! Quest’anno, non vi propongo un dolcetto da mettere nella calza ma la focaccia dolce della befana, una brioche soffice e golosa da gustare per colazione. Pare che questa ricetta abbia origine in Piemonte. La sua particolarità è quella di portare fortuna a chiunque riesca a trovare il portafortuna inserito nell’impasto: una monetina o una fava. Che ne dite di fare una sorpresa alla vostra famiglia e di realizzare la focaccia dolce della befana per la colazione di domani?

E’ una vecchia ricetta che ho riadattato, prendendo spunto dalla brioche di Montersino.

focaccia dolce della befana

Focaccia dolce della befana

<>

INGREDIENTI

400 g di farina W 330

150 g di lievito madre rinfrescato

30 ml di latte intero

180 g di uova intere + 1 tuorlo per spennellare

180 g di burro

70 g di zucchero

8 g di sale fino

2 cucchiai di Rhum

1 bacca di vaniglia

75 g di canditi a dadini

zucchero in granella

Da aggiungere come portafortuna

1 fava (o 1 monetina)

Dosi con lievito di birra

500 g di farina W330

12 g di lievito di birra

80 g di latte intero

PREPARAZIONE

Rinfrescate il lievito madre (se ancora non ne avete uno, leggete QUI) e attendete il raddoppio. Quindi mettete nel boccale della planetaria (potete impastare anche a mano ma ci vorrà più tempo e soprattutto olio di gomito!) la farina, il lievito spezzettato, il latte e cominciate ad impastare. Unite le uova e lavorate l’impasto fino a quando si sarà formato un panetto sodo.

Se usate il lievito di birra, sciogliete quest’ultimo nel latte e proseguite come indicato.

Unite, mano mano, lo zucchero, i semi prelevati dalla bacca di vaniglia, il sale, il burro morbido (basterà tenerlo a temperatura ambiente per qualche ora), e il Rhum. Inserite gli ingredienti uno per volta attendendo che il precedente sia completamente assorbito prima di procedere col successivo.

Alla fine dovrete ottenere un impasto liscio e ben incordato. A questo punto unite delicatamente i canditi.

Ribaltate l’impasto su un piano di lavoro, pirlatelo e trasferitelo in una ciotola capiente (dovrà contenere l’impasto raddoppiato di volume).

Coprite con pellicola trasparente e lasciate lievitare ad una temperatura di circa 28° (forno spanto con lucina accesa) fino al raddoppio.

Siccome in casa (specialmente in inverno) è difficile avere tale temperatura, per ovviare a questo “inconveniente”, ho realizzato una cella di lievitazione casalinga e ogni tipo di impasto riesce a lievitare nei tempi canonici. E’ facile da realizzare, potete farlo anche voi!

Quindi trasferite l’impasto lievitato su un piano di lavoro coperto con carta forno e appiattitelo un po’ con le mani. Questo è il momento di inserire il portafortuna, che sia o la monetina ben avvolta in carta stagnola (però io la trovo comunque poco igienica) oppure una fava. Ovviamente potere optare per qualsiasi altra cosa, purché sia commestibile.

Dividetelo in 16 spicchi, avendo cura di lasciare intera la parte centrale. Arrotolate su se stesso ogni spicchio e ponete la focaccia dolce della befana in una teglia da circa 30 cm di diametro. Coprite con pellicola trasparente e ponete nuovamente a lievitare fino al raddoppio.

Quindi spennellate con il tuorlo e cospargete lo zucchero in granella.

Infornate a 165°C, modalità statica, per 25-30 minuti. Come raccomando sempre, regolatevi col vostro forno. Per non correre rischi, fate la super collaudata prova stecchino.

Per gustare al meglio la focaccia dolce della befana, io vi consiglio di consumarla ad una temperatura di 30°, è deliziosa!

focaccia dolce della befana

<>

Se questa ricetta è stata di vostro gradimento e volete essere sempre aggiornati sulle nuove pubblicazioni, seguitemi anche sulle mie pagine social:Facebook,Google+TwitterInstagram e Pinterest

oppure

iscrivetevi alla mia NEWSLETTER cliccando QUI o al mio canale Youtube.

Torna alla Home →

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.