Marmellata di mele cotogne

Marmellata di mele cotogne – ho sempre mangiato questa marmellata da mio suocero, che ogni anno ne preparava diversi vasetti avendo una bella pianta di mele cotogne in giardino!

Quest’anno ho provato anche io! ^_^
Queste mele, per chi non le conoscesse bene, sono abbastanza grandi e dure, e non si mangiano crude. Sono invece perfette per preparare confetture, anche mescolandole ad altra frutta, ad esempio alle prugne, buonissima!

Mio suocero mi ha consigliato però di non fare una confettura di sole mele cotogne, ma di mescolarle con altre mele e un po’ di uva, o di mosto.

Ma visto che di mele ne erano davvero tanto ho fatto anche altre prove!

CONFETTURA DI MELE COTOGNE E ZUCCA, ma anche confettura di mele cotogne e limone!

marmellata di mele cotogne
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    15 minuti
  • Cottura:
    1 ora
  • Porzioni:
    3 barattoli da
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • 600 g mele cotogne (pulite senza buccia)
  • 400 g mele
  • 150 g Uva bianca (senza semi)
  • 500 g Zucchero
  • 1 buccia di limone (un pezzettino.)

Preparazione

  1. Marmellata di mele cotogne, confettura di mele cotogne e uva, confettura semplice da preparare, ottima per gustare e conservare questo frutto!

    In questo caso ho seguito i consigli di mio suocero che mi ha consigliato una proporzione di  400 g di zucchero su un kg di frutta pulita. Ho cercato di rispettare più o meno queste proporzioni.

    Ho pulito bene con una spazzolina le mele cotogne, togliendo sporco e peluria. Le ho poi sbucciate con un pelapatate e le ho tagliate a pezzettoni, lasciando il torsolo integro (anche perché è molto duro da tagliare).

    Stessa cosa fatta con le normali mele.

    Per fare in modo che non anneriscano, mettetele in acqua acidulata con limone (a volte salto il passaggio).

  2. Ho lavato poi un po’ di uva bianca e ho aperto gli acini per togliere i semini.

    Ho messo tutto in una pentola alta con 500 g di zucchero e un pezzetto di buccia di limone.

    ho aggiunto anche un po’ di acqua.

    Fatto cuocere per un ora circa e poi frullato grossolanamente per ridurre un po’ la consistenza in purea.

    Ovviamente durante la cottura controllate e mescolate spesso per non far attaccare la marmellata. Inizialmente potete tenere il fuoco più alto, poi lasciate il fornello al minimo.

    Appena spegnete il fuoco versate subito la marmellata nei vasetti sterilizzati, riempiteli quasi fino all’orlo, chiudete bene  e capovolgete a testa in giù fino a completo raffreddamento.

     

  3. marmellata di mele cotogne

    Se volete, potete sterilizzare ulteriormente i barattoli facendoli bollire nuovamente dopo averli riempiti, per circa 20 minuti. In questo modo potete conservare più a lungo la vostra confettura.

Note & Consigli

Per conservare la Marmellata di mele cotogne ho sterilizzato i barattoli in microonde: riempite i barattoli per 3/4 circa e fate fare 3 minuti alla massima potenza. I tappi li ho bolliti in un pentolino.

BUON APPETITO DALLA CUCINA DI E’ QUASI MAGIA!!!!

TORNA ALL’INDICE DELLE RICETTE

Mamme conoscete il mio blog dedicato a voi e ai vostri bambini? Vi aspetto su AMORE DI MAMMA!

Scrivimi!

comments

Precedente Crema al latte senza uova e panna, ricetta semplice senza glutine Successivo Taralli ai semi di finocchio senza bollitura

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.