Pollo alla cacciatora con capperi

Il pollo alla cacciatora con capperi è per me un salva cena fantastico insomma una soluzione buona veloce e in questi tempi di crisi, non guasta pure economica. L’abbinamento con i capperi salati, rigorosamente di Pantelleria gli da quella  giusta sapidità e rende questo piatto a mio parere ben bilanciato. Il pollo è notoriamente una carne bianca povera di grassi e molto adatta nelle diete ipocaloriche, tuttavia ha un difetto tende a essere una carne un pochino asciutta l’abbinamento con la passata di pomodoro risolve questo annoso problema rendendola molto morbida, e tende a sciogliersi letteralmente in bocca.  Gli ingredienti in questa ricetta sono molto pochi e soprattutto tendono essere sempre presenti nelle nostre dispense, e i grassi sono praticamente assenti se non si conta il filo di olio di oliva extravergine.

POLLO ALLA CACCIATORA CON CAPPERI
POLLO ALLA CACCIATORA CON CAPPERI

Pollo alla cacciatora con capperi

Ingredienti:

  • 600 gr di pollo tagliato a pezzetti piccoli
  • 400 gr di passata di pomodoro
  • Olio extravergine qb
  • 1/2 Cipolla bianca
  • 1/2 spicchio d’aglio per il soffritto
  • 1 cucchiaio di capperi di Pantelleria sotto sale
  • Origano a piacere

Preparazione
In un tegame mettere un filo d’olio aggiungere un trito di cipolla e aglio fare soffriggere per qualche minuto, aggiungete i bocconcini di pollo fare sigillare la carne in ogni lato per alcuni minuti. Ora aggiungete la passata (io per pulire bene il barattolo e non sprecare nulla aggiungo un goccio d’acqua chiudo bene il barattolo di vetro lo sbatto per qualche secondo e aggiungo il tutto alla carne, l’acqua, rende il sugo leggermente più liquido ma poi un pochino si consuma quindi non preoccupatevi). Ora tritate grossolanamente i capperi su un tagliere e aggiungeteli al pollo mescolate fate cuocere per un ventina di minuti e buon appetito stelline.

Se questa ricetta vi è piaciuta seguimi su Facebook PRONTO E SFORNATO

Secondi

Informazioni su prontoesfornato

Sono Elisabetta, sono sposata e adoro il mio splendido marito Richi che mi ha spinto a cimentarmi in questa avventura. Ebbene sì il blog è tutta farina del mio sacco e ve lo assicuro per chi non é un asso al pc non é cosa da poco. Come potrete immaginare mi piace cucinare e soprattutto sperimentare. Grazie agli amici che si sono sottoposti a cene e pranzi perché le ricette prima di proporvele sono state sempre provate, e approvate grazie a voi per la fiducia accordatami.

Precedente Bicchieri alla coulis di fragole Successivo Zuppa inglese con pesche e lamponi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.