Pizzette integrali con salciccia e pecorino

Le pizzette integrali con salciccia e pecorino sono state il modo creativo per riciclare un’avanzo della pasta preparata per il pane. Io adoro le farine più grezze come quella integrale perchè ha in sè ancora tutte ma proprio tutte le sostanze nutritive del grano dal germe alla crusca. Ovviamente più è raffinata più la farina viene privata di queste preziose sostanze tuttavia, per avere un pane o in questo caso delle pizzette integrali buone, morbide e al contempo friabili è necessario miscelare un po’ le farine. Perfetta per me è proporzione 30% farina integrale e 70% farina 0 o 00. In questo caso ho utilizzato la farina integrale e la farina 00 del Molino Fratini questa Azienda si trova nel piccolo borgo di Pollenza, tra le colline della provincia di Macerata, ricche di coltivazioni agricole e uliveti tipiche dell’entroterra marchigiano. Da sempre a conduzione familiare, si occupa da oltre tre generazioni della produzione di farine di grano tenero e di olio extravergine di oliva, offre un prodotto di qualità, 100% Made in Italy, utilizzando materie prime locali e applicando tecniche di lavorazione innovative che permettono di conservare ed esaltare le caratteristiche organolettiche del prodotto stesso, nel rispetto dell’ambiente. Produce farine per panificazione, pizzeria e pasticceria, ricavate dalle più pregiate qualità di grano delle Marche.
Conservando i cereali in modo ecologico, senza pesticidi e agenti chimici mediante refrigerazione con tecnologia Granifrigor™. Utilizzando energia pulita generata dal loro impianto fotovoltaico.

Olio e farine Molino Fratini
Olio e farine Molino Fratini

Pizzette integrali
Pizzette integrali

Pizzette integrali con salciccia e pecorino

Ingredienti:

Preparazione:

In una ciotola sciogliete accuratamente lo lievito di birra fresco in acqua tiepida. Miscelate le due farine, quella integrale e quella 00 Molino Fratini (io utilizzo il robot da cucina ma è comunque possibile farla a mano ovvio con un po’ più di impegno da parte vostra lavorando il composto fino ad  ottenimento di un’ impasto finale liscio ed omogeneo), aggiungete il sale e l’olio extravergine di oliva  Molino Fratini e un consiglio che vi dò è di aggiungere a filo la soluzione di acqua e lievito e continuate fino a  che si crei una palla elastica che si staccherà facilmente dalle pareti del robot.  Ora riponete la palla di impasto in una terrina incidetela con una croce copritela con un canovaccio di cotone e ponetela in forno con solo la luce accesa, in questo modo creerete un microclima perfetto per la lievitazione circa 25°  e lasciate lievitare per circa 2 ore (fino a quando l’impasto sarà raddoppiato) a questo punto sgonfiatelo lavoratelo brevemente e ponetelo ancora in forno sempre con la luce accesa per una mezzoretta. La seconda lievitazione rende il composto più morbido e friabile. Ora stendete sul piano di lavoro il vostro impasto non troppo sottile e tagliatelo con il coppapasta  in quelle che saranno le basi per le nostre pizzette. Ora dopo aver spellato la salciccia dividetela in pezzi e guarnite le nostre pizzette concludendo con le scaglie sottili di pecorino. Guarnite con rametti di rosmarino e cuocete in forno caldo per circa 25 minuti  a 180°.

Se questa ricetta vi è piaciuta, o se l’hai provata, lascia un commento e non dimenticarti di venirmi a trovare su Facebook PRONTO E SFORNATO

 

Antipasti, Pane & co.

Informazioni su prontoesfornato

Sono Elisabetta, sono sposata e adoro il mio splendido marito Richi che mi ha spinto a cimentarmi in questa avventura. Ebbene sì il blog è tutta farina del mio sacco e ve lo assicuro per chi non é un asso al pc non é cosa da poco. Come potrete immaginare mi piace cucinare e soprattutto sperimentare. Grazie agli amici che si sono sottoposti a cene e pranzi perché le ricette prima di proporvele sono state sempre provate, e approvate grazie a voi per la fiducia accordatami.

Precedente Mousse di tonno ricetta veloce Successivo Arrosto di vitello tradizionale

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.