Crea sito

Minestra nel sacchetto

La minestra nel sacchetto anche detta minestra di maltagliati,  è un’alternativa particolare alla solita minestrina, molto più gustosa perchè fatta a mano. Molto semplice ma anche tanto gustosa. Oggi complice la giornata uggiosa mi é infatti venuta tanta voglia di minestra e in particolare della minestra nel sacchetto della mia mamma. In ogni buon blog che si rispetti la cucina dei ricordi é una parte essenziale e io naturalmente non voglio essere da meno. La minestra nel sacchetto è una ricetta semplice e antica la cottura é un po’ particolare e vi sorprenderà.

minestra nel sacchetto
minestra nel sacchetto

Minestra nel sacchetto

Ingredienti:

  • 2 uova
  • 60 gr di farina
  • 30 gr burro
  • 30 gr di parmigiano grattugiato
  • Sale e noce moscata qb
  • Brodo (di carne o vegetale)

Preparazione:
In una ciotola, miscelare le uova con la farina e il parmigiano aggiungendo il burro tagliato a tocchetti, il sale e la noce moscata. In una pentola a parte far bollire circa un litro d’acqua con una carota, un gambo di sedano e 1/2 cipolla far cuocere il tutto per almeno una mezz’ora, ed salare. Ora attenzione prendere un pezzo di carta da forno bagnarla e strizzarla a questo punto versare il composto precedentemente ottenuto nel centro e chiudere bene con lo spago lasciando un pochino di spazio in quanto il composto un po’ si gonfia. Mettere il sacchetto nel brodo e cuocere per circa mezz’ora. A questo punto scolare il sacchetto e aprirlo togliendo lo spago. Troverete un panetto compatto ora tagliatelo a fette e poi a strisce e poi ancora a quadretti ed ecco pronta la minestra di maltagliati tutta casalinga nel brodo di carne o di verdure si fa cuocere ancora per qualche minuto ed é pronta buon appetito stelline una minestrina spettacolare ve lo assicuro.

Se questa ricetta vi è piaciuta seguimi su Facebook PRONTO E SFORNATO

Treccia salata al pesto e zucchine

La treccia salata al pesto e zucchine, è un’antipasto particolarmente adatto al periodo estivo, l’accoppiata zucchine e pesto risulta particolarmente fresca. Complice una cena organizzata all’ultimo momento con ospiti vegetariani, ho provato questo esperimento che sicuramente, rifaró, anche perché il risultato in termini di gusto é stato superlativo, le  zucchine e il pesto si fondono infatti in un connubio perfetto e riescono a fare apprezzare le verdure un pochino mascherate dal pesto, anche ai piccoli. Per questa preparazione ho utilizzato il Pesto alla Genovese di una ditta di eccellenze culinarie di Borgo San Dalmazzo (CN) La Favorita Fish ”

In commercio infatti ci sono tanti tipi di pesto con e senza aglio ma uno in particolare ha attirato la mia attenzione quello di una azienda cuneese La Favorita Fish che ricerca la semplicità delle antiche ricette della cucina contadina, usando ingredienti naturali e semplici che vengono lavorati e poi conservati con metodi che mantengono intatto il profumo e la freschezza del prodotto senza l’aggiunta di sostanze chimiche.

Pesto alla genovese de La Favorita
Pesto alla Genovese de La Favorita
Treccia salata
Treccia salata

Treccia salata al pesto e zucchine

Ingredienti:
1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
200 gr di ricotta
4 cucchiai di pesto
3 zucchine piccole
3 cucchiai di parmigiano grattugiato

Preparazione:

Stendere il rotolo e spalmateci sopra la ricotta e il pesto cercando di scolarlo il più possibile dall’olio di conservazione . A parte grattugiate le zucchine sistematele su tutta la superficie della pasta sfoglia. Predisponete, uno stampo da ciambella e ricoprirlo di carta da forno precedentemente accartocciata e leggermente bagnata , aderirá meglio alle pareti della teglia. Ora arrotolate la sfoglia creando un rotolo largo, per creare la treccia é necessario tagliare in due il rotolo dal senso della lunghezza non separando totalmente le due parti per un lembo e iniziare a intrecciare. Sistemate la treccia nello stampo chiudendola formando una sorta di corona. Cuocete in forno caldo per circa 35 minuti a 180 gradi finché la nostra treccia risulterà dorata. Sformate e servite calda. Buon appetito stelline.

Se questa ricettta vi è piaciuta vienimi a trovare su Facebook PRONTO E SFORNATO

Torta soffice alle mele

La torta soffice alle mele al profumo di cannella è la mia torta preferita é un dolce semplice che per i gusto e il profumo di cui riempie casa e che a me fa pensare all’infanzia, la torta della nonna prima e della mamma dopo insomma un tuffo nel tunnel dei ricordi. Perfetta per la colazione e per i bambini, o gli anziani perché morbidissima. L’aggiunta della panna é una chicca che ho carpito alla mamma di un mio caro amico, lei sostituiva tutto il latte alla panna io preferisco fare metà e metà per non esagerare con i grassi. Ecco la ricetta

Torta soffice alle mele
Torta soffice alle mele

Torta soffice alle mele

Ingredienti:

  • 2 uova intere
  • 300 gr di farina 00
  • 75 gr di latte
  • 50 gr di zucchero + 1 cucchiaio per spolverare sulle mele
  • 50 gr di olio di girasole
  • 75 gr di panna
  • 1 mela golden non grande per il ripieno e 1 grande per ricoprire la torta.
  • 3/4 di bustina di lievito
  • Cannella una spolverata

Preparazione:

In una terrina lavorare le uova con lo zucchero fino ad avere un composto chiaro e omogeneo. Aggiungere il latte e la panna e sempre mescolando iniziare ad unire la farina, unire l’olio e finire con la farina rimasta. Intanto pelare la mela e tagliarla a piccoli pezzi ed aggiungere all’impasto. Finire unendo il lievito. A questo punto ricoprire la tortiera con la carta da forno (stropicciatela prima aderirá meglio) e versatevi il composto, livellatelo con una spatola lecca pentola. Ora non resta che decorare la nostra torta alle mele io preferisco fare un giro tutto intorno e poi riempire il centro come fosse un fiore ma potete sbizzarrirvi.
Spolverare con un cucchiaio di zucchero le mele (eviterá di far bruciare le mele le caramellerá solo leggermente) e finire con la spolverata di cannella. Buona colazione stelline copritela sempre con una stagnola si conserverà per alcuni giorni tranquillamente.

 

Se questa ricetta vi é piaciuta seguimi su Facebook Pronto e sfornato

Tagliatelle al ragù bianco di verdure

Le tagliatelle al ragú bianco di verdure sono un primo molto leggero, con un gusto delicatissimo. La ricetta è nata dopo una cena con amici un po’ impegnativa sotto il punto di vista delle calorie pertanto per il pranzo della domenica ho optato per una pasta all’uovo, le tagliatelle paglia e fieno, con un sugo leggero, a base di verdure tritate finemente e qualche dado di prosciutto per insaporire e non far rimpiangere la cena loculliana di ieri sera ok leggera, ma sempre con gusto. In pratica con pochi ingredienti si ottiene un bel risultato molto gustoso ma anche molto light e sano e potrebbe essere un modo per fare mangiare le verdure mascherate nella pasta ai vostri bambini. Ora non mi resta che augurarvi buona appetito stelline e non dimenticate di lasciare un commento.

Tagliatelle al ragù bianco di verdure
Tagliatelle al ragù bianco di verdure

Tagliatelle al ragù bianco di verdure

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr di tagliatelle paglia e fieno
  • olio extravergine di oliva
  • sale qb
  • 1 carota
  • 1 cipolla rossa di Tropea
  • 1/2 gambo di sedano
  • 100 gr di prosciutto cotto tagliato a dadini

Preparazione:

Dopo aver lavato e asciugato la verdura tritatela finemente con la mezzaluna o con un tritatutto, trasferire il tutto in una padella con un filo d’olio extravergine a fuoco moderato per circa una decina di minuti. Aggiungete quindi i dadi di prosciutto cotto precedente preparati e fare insaporire il tutto ancora per un paio di minuti. Intanto portate a bollore una pentola con acqua salata e cuocere la pasta in base alle indicazioni di cottura, scolatela per bene e fatela saltare in padella ancora aggiungendo un filo d’olio extravergine a crudo. Non mi resta che augurarvi buon appetito stelline.

Se questa ricetta vi é piaciuta o se l’hai provata lasciami un commento e non dimenticarti di seguirmi su Facebook Pronto e sfornato

 

 

Arrosto alla senape dolce

L’arrosto alla senape é un secondo che potrete abbinare con un contorno di patate al forno o se avete tempo con delle patate duchesse, o se non amate le patate con carote o piselli. Come avrete forse immaginato non sono una grande fan della carne ma questo secondo è veramente sfizioso, in quanto la senape conferisce al piatto un gusto leggermente pungente che insaporisce la carne al punto giusto e gli dona cremosità e sapore.
Il procedimento che si usa é molto simile a quello canonico utilizzato per l’arrosto tradizionale con l’aggiunta di qualche cucchiaino di senape che provvederemo a spennellare sull’intera superficie della carne. La senape è una salsa ricavata dai semi della omonima pianta è molto rinomata nella regione francese della Borgnogna dove è rinomata in particolare per la città di Digione. Se il gusto della senape ti piace guarda anche le ricette pollo alla senape, torta salata ai pomodori con la senape, coniglio alla senape.

ARROSTO ALLA SENAPE
ARROSTO ALLA SENAPE

Arrosto alla senape

Ingredienti per 4 persone:

  • 700 gr di arrosto (io ho preferito quello con la vena lo trovo meno asciutto)
  • Trito per soffritto (cipolla, carota, sedano,aglio)
  • Olio d’oliva qb
  • Vino bianco secco dealcolizzato
  • 1 cucchiaio di senape dolce

Preparazione:
In un tegame basso con un filo d’olio d’oliva insaporire il soffritto aggiungere la carne e provvedere a sigillarla dai quattro lati (qualche minuto per lato a fuoco vivace). Sfumare con mezzo bicchiere di vino bianco dealcolizzato secco a questo punto abbassare la fiamma e continuare a fuoco moderato e con il coperchio per almeno un’ora. Quando l’arrosto è freddo provvedere a tagliarlo a fette sottili e posizionarlo nuovamente nel suo sughetto di cottura. Servire con un contorno di stagione e buon appetito stelline.

Se questa ricetta vi é piaciuta  seguimi su Facebook Pronto e sfornato

Tegole alle pere e roquefort

Le tegole alle pere e roquefort sono un antipasto che nasce da un abbinamento che a mio avviso dá sempre molte soddisfazioni, le pere e il roquefort. Infatti questi due ingredienti insieme danno al piatto un connubio tra dolcezza delle pere e gusto deciso del roquefort che decisamente incanta i palati. É una preparazione semplice ma di sicuro effetto per una cena informale ma con un tocco raffinato. Il Roquefort è un formaggio francese erborinato che  viene prodotto con latte di pecora e la sua caratteristica sono le venature blu-verdi date dal fatto che stagiona almeno novanta giorni nelle grotte in cui temperatura ed umidità rimangono costanti nel tempo. Il suo gusto è forte, la crosta umida e il colore è avorio con venature blu, rientra tra i formaggi grassi di media stagionatura a pasta erborinata.

TEGOLE ALLE PERE E ROQUEFORT
TEGOLE ALLE PERE E ROQUEFORT

Tegole alle pere e roquefort

Ingredienti:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia
  • 1 pera abate grande
  • 150 gr di roquefort
  • 150 gr di ricotta
  • 2 uova
  • 100 gr di latte
  • 1 cucchiaio di semi di sesamo

Preparazione:
In una ciotola stemperare il roquefort, con la ricotta e il latte mescolare al fine di rendere omogenea la crema, aggiungere le uova. Pelare la pera e tagliarla a fettine. A questo punto stendere la pasta sfoglia con un matterello dividere la pasta in otto rettangoli a cui ripiegheremo i bordi per trattenere il ripieno. Mettere sul fondo le fette di pera e dividere in modo omogeneo il ripieno e spolverate con i semi di sesamo. Infornare a 180 gradi in forno caldo per circa 20 minuti. Buon appetito stelline gli ospiti i miei hanno gradito tantissimo quindi ve lo consiglio.

Se questa ricetta vi è piaciuta o se l’hai eseguita lasciami un commento e non dimenticarti di seguirmi su FacebookPRONTO E SFORNATO

Semifreddo al torrone con meringhe

Il semifreddo al torrone con meringhe é un dolce veramente eccezionale. Era un po’ di tempo che non facevo questa ricetta e stasera complice l’ennesima  cena tra amici mi si é riproposta in testa e non ho potuto evitare di cimentarmi,  è vero non è leggerissima ma ve lo assicuro é talmente buona da fare girare la testa.  Il semifreddo al torrone con meringhe é un dolce croccante ma cremoso insomma il giusto connubio tra i gusti.

Semifreddo al torrone
Semifreddo al torrone

 

Semifreddo al torrone con meringhe

Ingredienti:

Preparazione:
Montare gli albumi a neve fermissima con le fruste elettriche e un pizzico di sale. Intanto in un altra ciotola mescolare i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere una crema chiara e spumosa. Sminuzzare con il coltello il torrone con il cioccolato e le meringhe e tenere da parte. Montare la panna montata in una ciotola fredda. A questo punto aggiungere con movimenti dal basso all’alto alla crema di tuorli e zucchero gli albumi montati a neve ferma, ed infine con il medesimo movimento proprio per incorporare aria e non sgonfiare il composto, la panna montata. Per assemblare il dolce in dei pirottini di alluminio mono porzione, alternare la granella di torrone, il cioccolato sminuzzato e meringhe con la crema precedentemente ottenuta per vari strati. Mettere in freezer per un paio d’ore e sformare su piatti da dessert non mi resta che augurarvi buon appetito stelline.

Se questa ricetta vi é piaciuta o se l’hai provata lascia un commento e non dimenticarti di seguirmi su Facebook Pronto e sfornato

Sformatini di melanzane al forno

Gli sformatini di  melanzane al forno possono essere un antipasto sfizioso.  Un’antipasto di verdure veramente ottimo, che piacerà anche ai bambini perchè ricorda la parmigiana di melanzane, ma é fatta in piccole dosi , potrete infatti usare le cocote di ceramica, come ho fatto io o semplicemente le formine di alluminio per i budini per intenderci. Per alleggerire il piatto è farlo di conseguenza più light, preferisco grigliare le melanzane ma a gusto é possibile farle fritte in questo caso ricordarsi di infarinarle e cuocere un minuto per parte in olio di arachidi caldo e soprattutto profondo. Il bello di questa ricetta e che ne puoi preparare un po’ di più, e surgelandole le puoi usare anche in momenti successivi per sopperire alle cene dell ultimo minuto facendo sempre un figurone. Non mi resta che augurarvi buon appetito stelline.

Sformatini di melanzane
Sformatini di melanzane

Sformatini di melanzane

Ingredienti:

  • 1 melanzana violetta
  • 1 mozzarella fior di latte
  • 400 gr di passata di pomodoro
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • Origano qb
  • origano a piacere

Preparazione:
Tagliate a metà la melanzana e poi a fette sottili, ma non troppo e provvedere a grigliarle su una piastra calda per qualche minuto. Tagliate intanto a dadini la mozzarella e tenetela da parte.
Provvedere ora ad assemblare i nostri sformatini. Ungere leggermente i pirottini o le cocotte, mettere due fette di melanzana per ricoprire il fondo, aggiungere un cucchiaino abbondante di passata di pomodoro, qualche dado di mozzarella e continuare fino ad arrivare al bordo terminando con la passata e la mozzarella e un pizzico di origano.  Per avere un effetto piú gratinato potete ancora spolverare con un po’ di parmigiano grattugiato.
Fare cuocere in forno caldo per 20 minuti a 180 gradi fino a che si forma una dorata crosticina e buon appetito stelline.

Se questa ricetta vi é piaciuta seguimi su Facebook Pronto e sfornato

le Baguettes Pane francese

Il pane francese le Baguettes chi non lo apprezza ? io letteralmente lo adoro e visto che  da sempre mi piace sperimentare dopo aver seguito una mini dimostrazione di cucina, riguardante l’utilizzo di prodotti cuoci pane bellissimi ma per me un po’ ingombranti, (il problema di una cucina non grandissima ma funzionale é anche un po’ il mio ancora per un po’ di mesi), non ho resistito e così il giorno dopo mi sono cimentata in questa ricetta semplice ma decisamente buonissima per chi ama i sapori veri con qualche possibile contaminazione decisamente interessante. Potete infatti preparare le baguettes oltre che in purezza, con il sesamo, le noci, i pistacchi, le olive, le cipolle, la pancetta o il prosciutto cotto a dadini insomma la fantasia è i gusti sono i vostri e quindi sbizzarritevi. Ah ricordatevi … potete anche combinarli ma il ripieno non deve coprire il gusto del pane, quindi non più del 20 % del peso dell’impasto. Detto questo Buon divertimento stelline.

le Baguettes Pane francese
le Baguettes Pane francese

le Baguettes Pane francese

Ingredienti:

  • 400 gr di farina
  • 215 gr di acqua
  • 15 gr di lievito di birra o 5 gr di lievito liofilizzato(in quest’ultimo caso sará necessario anche un cucchiaino di zucchero per attivare la lievitazione)
  • 1 cucchiaino di sale
  • 2 cucchiai di olio d’oliva
  • Per aromatizzare il pane, olive, sesamo, noci, pistacchi, pancetta o prosciutto a dadini, cipolle

Preparazione:

Potete preparare l’impasto o impastandolo con tanto olio di gomito o mettendo tranquillamente tutti gli ingredienti nell impastatrice per qualche minuto a voi la scelta. Una volta creata una palla omogenea e elastica, effettuare un taglio a croce sull’impasto coprire con un canovaccio e riporre in forno. No, non sono impazzita, é una cosa fighissima che ho imparato, e che voglio troppo condividere, non dovete accendere il forno ma soltanto la luce interna otterreremo una temperatura di circa 22 gradi con la sola potenza di una lampadina. Lasciate riposare l’impasto per circa 2 ore quindi sgonfiatelo e pesatelo suddividete l impasto in quattro parti cercando di essere precise. stendete quindi l’impasto creando dei rettangoli di pasta (10 x 35 cm) inserire all’interno quanto avete deciso per il ripieno. A questo punto ripiegare in due dalla parte piú corta sigillare con i polpastrelli nel centro e arrotolare il panino cosí ottenuto formando la tipica forma del pane francese, che potrete decorare con dei semini di sesamo o con quanto presente nel ripieno a vostro gusto anche solo per distinguere i gusti. A questo punto praticare sette tagli obliqui e porre le baguette così ottenute su una teglia da forno rivestita con la carta da forno, di nuovo in forno solo con la luce accesa per 35 minuti. Finita anche questa seconda lievitazione togliere dal forno accendere a 180 gradi e far arrivare a temperatura prima di informare per 40 minuti. Pane croccante fuori è morbido dentro una vera delizia per il palato tutto pronto per voi.

Se questa ricetta vi é piaciuta seguimi su Facebook Pronto e sfornato

 

Muffin con cuore di marmellata

I muffin con cuore di marmellata sono un classico che spesso realizzo per la colazione. E molti mi hanno chiesto ma in questo blog niente dolci?? E cosí eccovi qui il primo, che é anche uno dei mie dolci preferito, molto versatile perchè si presta a molte rivisitazioni. Perfetto per la colazione perché molto light vedrete che infatti che i muffin che vi propongo sono poco dolci, hanno pochi grassi ma ve lo assicuro restano morbidissimi e non vi lasceranno insoddisfatti in quanto a gusto. Inoltre sono velocissimi e facili da preparare quindi non abbiate paura di cimentarvi in questa ricetta sarà un successo lo garantisco. Quindi buon lavoro e soprattutto buon appetito stelline.

Muffin con cuore di marmellata
Muffin con cuore di marmellata

Muffin con cuore di marmellata

Ingredienti:

  • 2 uova
  • 300 gr di farina manitoba
  • 50 gr di zucchero
  • 230 latte
  • 60 gr di olio di girasole
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • La buccia del limone grattugiata
  • 100 gr di marmellata alle pesche
  • 6 amaretti
  • 1 cucchiaino di cacao in polvere
  • Granella di mandorle o di nocciole

Preparazione:
In una terrina mescolare le uova e lo zucchero con le fruste, unire gli elementi liquidi (olio e latte) è solo in seguito la farina manitoba setacciata, mescolare fino a eliminazione di tutti i grumi profumate il composto con  la buccia di limone grattugiata e terminate con la bustina di lievito per dolci sempre setacciata. In una scodella mescolare la marmellata con gli amaretti sbriciolati e il cacao ( che poi é il ripieno delle pesche ripiene che adoro). A questo punto predisporre i pirottini di carta su una teglia e mettere un cucchiaio del composto dei muffin un cucchiaino di ripieno e ricoprire ancora del composto dei muffin, finire con la granella di mandorle o di nocciole e infornare a 180 gradi per 16 minuti.

Se questa ricetta vi é piaciuta seguimi su Facebook PRONTO E SFORNATO