Lingua di vitello con bagnetto verde

La lingua di vitello con bagnetto verde è un piatto tipico della tradizione regionale  Piemontese. La lingua di vitello é un taglio poco conosciuto nel resto d’Italia, ma molto rinomato nella mia regione, forse un po’ grasso é molto usato nel bollito alla Piemontese . La lingua tuttavia viene cotta separatamente dalle altre carni in quanto il suo brodo è molto grasso per questa ragione non viene usato per accompagnare capelletti in brodo o minestrine. Il bagnetto verde invece non ha bisogno di una presentazioni,  è la salsa principe della tradizione piemontese ed é a base principalmente di prezzemolo e aglio. Questa salsa si sposa benissimo con tutte le carni bollite sia bianche che rosse. La lingua infine é un taglio molto versatile infatti  può essere gustata sia calda che fredda e può essere accompagnata o dal bagnetto verde o da una salsa tonnata o dal bagnetto rosso.

Lingua di vitello con bagnetto verde
Lingua di vitello con bagnetto verde

Lingua di vitello con bagnetto verde

Ingredienti:

Preparazione:

In una pentola capiente ponete a bollire acqua sufficiente da ricoprire la lingua,  la carota e la cipolla e aggiungete la lingua portate a ebollizione e continuate la cottura per 45 minuti se la cuocete con l’ausilio della pentola a pressione se no per circa un’ora e mezza in pentola normale. Una volta cotta toglietela dall’acqua e fatela raffreddare e pelatela e poi tagliatela a fette sottili. Se la tagliate di sbieco avrete fette più grandi. Guarnite le fette con un cucchiaino di bagnetto verde che avrete precedentemente preparato e servite.

Se questa ricetta vi è piaciuta se l’hai provata lasciami un commento e non dimenticarti di venirmi a trovare su Facebook la mia pagina é pronto e sfornato.

Antipasti

Informazioni su prontoesfornato

Sono Elisabetta, sono sposata e adoro il mio splendido marito Richi che mi ha spinto a cimentarmi in questa avventura. Ebbene sì il blog è tutta farina del mio sacco e ve lo assicuro per chi non é un asso al pc non é cosa da poco. Come potrete immaginare mi piace cucinare e soprattutto sperimentare. Grazie agli amici che si sono sottoposti a cene e pranzi perché le ricette prima di proporvele sono state sempre provate, e approvate grazie a voi per la fiducia accordatami.

Precedente Melanzane al forno light e non solo Successivo Purè di carote e zenzero profumato

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.