Crea sito

Involtini di verza vegetariani

Da brava piemontese adoro i “capunet” e gli involtini di verza vegetariani sono la versione vegetariana appunto dei più famosi cugini con la carne di cui sotto vi ho lasciato il link.

Ma adesso vi racconto cosa sono questi involtini di verza vegetariani .

Innanzitutto parliamo del ripieno fatto da patate a pasta gialla bollite, parmigiano grattugiato, cavolo tritato, il tutto insaporito da un soffritto e legato dall’uovo.

Insomma un ripieno che potrà sembrare forse povero ma che si sposa perfettamente con le foglie di cavolo verza che formeranno il contenitore perfetto dei nostri involtini.

Per la ricetta degli involtini di verza vegetariani ho utilizzato le patate di montagna a pasta gialla di qualità Gala dell’azienda Agricola Lou Revelh di Bruno Stefano di Demonte.

L’azienda agricola LOU REVELH nasce nel 2018 in prosecuzione dell’attività familiare, che da oltre 15 anni produce a livello amatoriale, patate di montagna, castagne e legna da ardere.

Un espansione che inizia con la diversificazione della coltivazione di diverse varietà di patata (spunta, gala, desirèe e vivaldi), coltivate seguendo principi prettamente biologici.

Poi è avvenuto l’implementamento di nuove produzioni e allevamenti, quali la lumaca alpina (Helix Pomatia), l’apicoltura con produzione di qualità locali di miele (millefiori, castagno e melata di bosco) e non ultima quella del cappero (coltivazione alquanto particolare a queste altitudini).

Se questa ricetta vi è piaciuta vedo anche :
caponet-o-involtini-di-cavolo-verza/
Raviole ris e coi (ricetta Piemontese)
involtini-di-pollo-con-le-mele
Sciroppo per la tosse home made
Patate rosse ripiene di stracchino
Toast di patate ripieni con formaggio filante

  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di cottura25 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 250 gpatate a pasta gialla (Qualità Gala)
  • 1Verza
  • 2 cucchiaiSoffritto
  • 2 cucchiaiParmigiano Reggiano grattugiato
  • 2 cucchiaiOlio di oliva
  • 1Uova
  • Sale
  • Pepe
  • 1 ramettoRosmarino
  • 1 spicchioAglio

Strumenti

  • Pentola
  • Padella
  • Ciotola

Preparazione

  1. Sfogliate il cavolo e lavatelo. Fate bollire le foglie di cavolo in poca acqua bollente per circa 15 minuti fino a che risulteranno morbide.

  2. Fate bollire le patate con la buccia per circa 20 minuti in acqua bollente.

    Quando le patate risulteranno morbide infilzatele per prova con uno stecchino.

    A questo punto scolatele e pelatele calde così è molto più semplice e veloce ve lo assicuro.

  3. Allargate le foglie di verza e eliminate le nervature più grandi.

  4. Create il ripieno tritando le foglie di cavolo più piccole e anche quelle che si romperanno e poi passate il tutto in padella con l’olio di oliva e il soffritto per qualche minuto .

  5. Trasferite il tutto nelle patate che nel frattempo avrete passato nello schiaccia patate e unite il parmigiano e l’uovo come legante.

  6. Ponete un cucchiaio raso di ripieno su ogni fetta di verza e poi arrotolate strettamente in modo tale da creare i nostri involtini.

    In una padella larga e bassa ponete un filo di olio di oliva con lo spicchio di aglio privato dell’anima, il rametto di rosmarino e ovviamente gli involtini.

    Fate rosolare su ambo i lati e girate gli involtini sovente stando attenti a non romperli e soprattutto a non farli bruciare.

    Insomma fateli cuocere a fuoco lento meglio con il coperchio.

Note

Vuoi ricevere ogni giorno ricette facili e veloci in modo totalmente GRATUITO? Iscriviti al mio canale Messenger. Come? Semplice vai qui https://m.me/prontoesfornato e clicca su INIZIA ogni giorno tre proposte per organizzare i tuoi pasti in modo semplice e goloso.

Se questa ricetta ti é piaciuta non dimenticarti di venirmi a trovarmi su Facebook , su Instagram o ancora su Pinterest

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da prontoesfornato

Sono Elisabetta, sono sposata e adoro il mio splendido marito Richi che mi ha spinto a cimentarmi in questa avventura. Ebbene sì il blog è tutta farina del mio sacco e ve lo assicuro per chi non é un asso al pc non é cosa da poco. Come potrete immaginare mi piace cucinare e soprattutto sperimentare. Grazie agli amici che si sono sottoposti a cene e pranzi perché le ricette prima di proporvele sono state sempre provate, e approvate grazie a voi per la fiducia accordatami.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.