Grissini attorcigliati ai pomodori secchi

I grissini attorcigliati ai pomodori secchi sono stati una vera e propria rivelazione.
In questo periodo di corona virus ho preso la per me bella abitudine di fare il pane e i grissini in casa.
Il sabato insomma a casa mia si pianifica e così preparo il pane per tutta la settimana che a dirla tutta è oltre che una soddisfazione anche un piacere per il palato.
In più tutte le settimane cambio tipologia aggiungo aromi insomma mi sbizzarrisco.
Se volete i grissini attorcigliati più rossi potete mettere più paté di pomodori o aggiungere del concentrato di pomodoro io amo i gusti delicati quindi non ho esagerato.
Per questa ricetta ho utilizzato il paté di pomodori secchi delle Industrie Montali.
La Industrie Montali nascono nel 1910 come azienda di trasformazione del pomodoro in concentrato che all’epoca veniva direttamente confezionato in barattoli. La trasformazione del pomodoro era però un’attività stagionale e nel tempo sono state sviluppate anche altre lavorazioni. Ma i Montali si accorgono di essere conservieri nel cuore, abbandonano le altre produzioni e fanno del pomodoro l’elemento principe dei loro prodotti.
L’evoluzione dei gusti nei 100 anni di vita è stato interpretati dai “cuochi” della Industrie Montali con la proposta di raffinati sughi italiani per primi piatti, salse per antipasti, condimenti per insalate, in aggiunta ai tradizionali derivati del concentrato di pomodoro.
La linea “Easy“ ideata da  industrie Montali è una selezione di prodotti in cui il classico si fonda con la modernità e la praticità d’uso.
Industrie Montali garantisce inoltre all’interno dei propri prodotti la totale assenza di conservanti, coloranti e antiossidanti.
Se questa ricetta ti è piaciuta vedi anche :
come-moltiplicare-lo-lievito-di-birra-mai-piu-senza/
nodi-di-pane-alle-olive/
grissini-tipo-rubata/
grissini-all-olio-extravergine/
chiappe-di-pane/

Sponsorizzato da Industrie Montali

  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora 20 Minuti
  • Tempo di cottura9 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Strumenti

  • Carta forno
  • Teglia

Preparazione

  1. Fate sciogliere lo lievito di birra fresco nell’acqua tiepida.

    In una ciotola se impastate a mano o in una planetaria unite la farina, il sale e l’olio di oliva e l’acqua con lo lievito di birra sciolto.

    Lavorate fino ad ottenere una palla liscia ed omogenea non appiccicosa.

    Dividete l’impasto in due parti e ad una unite il paté di pomodori secchi e se necessario aggiungete ancora un cucchiaio di farina se risulterà troppo umido.

    Se volete un effetto più colorato potete aggiungere altro patè di pomodori secchi o in alternativa un cucchiaino di concentrato di pomodoro. Io ho optato per un gusto più delicato ma questo ovviamente dipende dai gusti personali.

    Trasferite sul piano di lavoro create dei rettangoli alti circa un centimetro.

    Avvolgeteli nella pellicola trasparente e lasciate riposare per una mezz’ora.

    Riprendete l’impasto spennellatelo con un cucchiaio di olio richiudete nella pellicola e fate riposare per 50 minuti.

    Foderate una teglia con la carta da forno.

    Prendete i due impasti e fate tanti bastoncini di circa un centimetro di spessore.

    Intrecciate un bastoncino bianco con uno al paté di pomodori secchi e mettete a cuocere i grissini attorcigliati in forno già caldo a 200 gradi per circa 9 minuti.

Note

Vuoi ricevere ogni giorno ricette facili e veloci in modo totalmente GRATUITO? Iscriviti al mio canale Messenger. Come? Semplice vai qui https://m.me/prontoesfornato e clicca su INIZIA ogni giorno tre proposte per organizzare i tuoi pasti .

Se questa ricetta ti é piaciuta non dimenticarti di venirmi a trovarmi su Facebook , su Instagram o ancora su Pinterest

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da prontoesfornato

Sono Elisabetta, sono sposata e adoro il mio splendido marito Richi che mi ha spinto a cimentarmi in questa avventura. Ebbene sì il blog è tutta farina del mio sacco e ve lo assicuro per chi non é un asso al pc non é cosa da poco. Come potrete immaginare mi piace cucinare e soprattutto sperimentare. Grazie agli amici che si sono sottoposti a cene e pranzi perché le ricette prima di proporvele sono state sempre provate, e approvate grazie a voi per la fiducia accordatami.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.