Crea sito

Funghi porcini sott’olio

Funghi porcini sott'olio
Funghi porcini sott’olio

I funghi porcini sott’olio sono una preparazione che ritroveremo nella stagione fredda e che potremo utilizzare come antipasto sfiziosissimo. Quest’anno il bosco è stato generoso e ci ha regalato tanti funghi porcini e in questo modo li potremo gustare anche quando non ci saranno più. I funghi porcini sono un frutto del bosco di cui non bisogna abusare, un uso eccessivo potrebbe impattare sul fegato ma hanno anche delle proprietà sono ipoglicemizzanti e quindi anche adatti ai diabetici.

Se questa ricetta ti è piaciuta vedi anche:

Insaporitore ai funghi per salse e sughi

Galletti sott’olio (funghi finferli)

Funghi finferli al verde

Funghi porcini fritti con panatura croccante

Funghi porcini trifolati

Funghi porcini sott'olio
Funghi porcini sott’olio I

Funghi porcini sott’olio

Ingredienti:

  • 2 kg di funghi porcini di taglia piccola o non troppo maturi
  • 1 litro di olio di mais
  • 400 gr di acqua
  • 400 gr di aceto bianco
  • sale grosso
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 cipolla bianca piccola

Preparazione:
Dopo aver accuratamente pulito i funghi porcini con un coltello eliminando per bene il terriccio presente, utilizzate un panno umido per rifinite il lavoro pulendo le coppe e i gambi dei funghi eliminando gli ultimi residui.

Ora dividete le coppe dalle gambe con un unico movimento circolare. Munitevi di due scolapasta e in uno tagliate le coppe prima in senso verticale e poi in senso orizzontale creando dei quadrati della dimensione di circa 2 centimetri per 2 centimetri stessa cosa per le gambe che metterete nell’altro scolapasta. Salate abbondantemente con il sale grosso e lasciare a fare l’acqua per circa due ore. Ora in una pentola mettete l’acqua e l’aceto bianco, il rosmarino e la cipolla e portate a ebollizione. Buttate metá delle coppe e fate cuocere per circa 10 minuti. A questo punto scaduto il tempo scolate le coppe  e posizionatele su un telo asciutto. Fate lo stesso con l’altra metà delle coppe.

Ora cuocete le gambe che essendo più dure necessitano di una cottura più prolungata circa 14 minuti, e scolatele sempre sul telo. Finita la cottura lasciate riposare per circa una mezza giornata avendo cura di cambiare il telo se bagnato in modo da permettere un asciugatura completa dei funghi. Ora dopo esservi muniti di almeno 5 albarelle (tipo Bormioli o simili) posizionate i funghi ben asciutti nelle stesse ben premuti in modo da ridurre gli interi spazi.

A questo punto aggiungete l’olio avendo cura di riempire per bene tutti gli spazi. Chiudete accuratamente le albarelle e riponetele in luogo fresco e buio fino alla consumazione entro 6 o 8 mesi.

Vuoi ricevere in modo totalmente GRATUITO le mie ricette? Iscriviti al mio canale Messenger. Come? Semplice vai qui https://m.me/prontoesfornato e clicca su INIZIA ogni giorno tre proposte per organizzare i tuoi pasti .
Se questa ricetta ti é piaciuta non dimenticarti di venirmi a trovarmi su Facebook , su Instagram o ancora su Pinterest

Pubblicato da prontoesfornato

Sono Elisabetta, sono sposata e adoro il mio splendido marito Richi che mi ha spinto a cimentarmi in questa avventura. Ebbene sì il blog è tutta farina del mio sacco e ve lo assicuro per chi non é un asso al pc non é cosa da poco. Come potrete immaginare mi piace cucinare e soprattutto sperimentare. Grazie agli amici che si sono sottoposti a cene e pranzi perché le ricette prima di proporvele sono state sempre provate, e approvate grazie a voi per la fiducia accordatami.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.