UOVA – cottura a bassa temperatura

Avrete sicuramente sentito parlare dell’ uovo cotto a bassa temperatura, in un bel ristorante chic o in tv, ma l’avete mai assaggiato???

Che dire?

Semplicemente dovrebbe far parte delle 7 meraviglie del mondo culinario!

Incredibile la consistenza,
irraggiungibile diversamente il risultato;

una cremosità unica, che molte volte piace anche a chi solitamente non gradisce il tuorlo liquido e mangia solo uova sode, sbattute o frittate.

Proprio un mondo a sé!

Per non parlare della raffinatezza e dell’eleganza nel presentare un simile antipasto a tavola!

Quindi cos’altro aspettate??

Munitevi di roner,
se non l’avete affrettatevi ad acquistarne uno!

E..

Forza, a lavoro!

Create il vostro Capolavoro!!!

  • CucinaItaliana

INGREDIENTI

  • 2uova (Temperatura ambiente )
  • 1 fettapane
  • cipolle rosse in agrodolce (Ancora meglio se di Tropea )
  • Qualche fogliarucola

Per le cipolle rosse in agrodolce

  • 1 kgcipolle rosse
  • 3 cucchiaizucchero
  • Mezzo bicchiereaceto di vino bianco
  • q.b.sale
  • q.b.pepe
  • Qualche cucchiaioolio extravergine d’oliva

Strumenti necessari

  • Roner (attrezzo per cottura sottovuoto)

Preparazione delle uova a bassa temperatura

  1. Iniziate impostando subito il vostro roner a 63 gradi per 1 ora.

    A temperatura raggiunta, immergete le uova delicatamente (se non sono a temperatura ambiente rischiate che si rompano a causa dello shock termico), poi fate partire il countdown!

    Nel frattempo potete preparare le cipolle in agrodolce!

    Sbucciate e tagliate le cipolle a rondelle larghe circa 1 cm (se siete più comodi potete tagliare prima a metà, poi a fettine per avere un appoggio piú stabile).

    Mettetele  in padella con un paio di cucchiai di olio e fate appassire (con coperchio) a fuoco dolce per circa 15 minuti!

    Dopo di ché, a fiamma vivace aggiungete 2 cucchiai di zucchero e sfumate con aceto di vino bianco.

    Mescolate continuando la cottura per altri 10 minuti a fiamma media e assaggiate.

    Regolate di sale e pepe e in base alle vostre preferenze potete aggiungere anche zucchero e/o aceto.

    Le vostre cipolle in agrodolce ora sono pronte!

     

    Al Termine  della cottura aprite le uova con delicatezza, una alla volta, come se fossero crude in una ciotolina.

    A questo punto siete decisamente pronti per procedere con l’impiattamento.

    Per un effetto “ORIGINALE”, potete scegliere di servirlo come in questa ricetta, utilizzando solo i tuorli tra 2 belle fette di pane tostato, accompagnando con qualche foglia di rucola e con cipolle in agrodolce.

    Oppure, per un servizio più elegante, potete adagiare l’intero uovo su una vellutata a vostro piacere con pochi crostini e il vostro dettaglio.

    Non dimenticate che sono i piccoli dettagli che determinano l’effetto estetico finale del vostro piatto.

    Che sia una fogliolina arricciata, una cialda di parmigiano, una fettina di zucchina scottata e arrotolata, un paio di pomodorini confit, ecc…

    NON importa!

    L’importante è che ovviamente sia edibile e che sia messo lì con tanto Amore!

    Come ho sentito dire a un grande chef, il piatto perfetto raggiunge il suo 100% solo se anche l’occhio è appagato!

    Altrimenti per quanto sia perfettamente cucinato, se non si soddisfa l’occhio con la parte estetica, faticherà ad essere un 80%.

    #tutti i sensi sono importanti

CONSERVAZIONE

Le uova, chiaramente, sono da consumare subito.

Per quanto riguarda le cipolle in eccesso, invece si possono conservare fino a 5 giorni in un contenitore ermetico riposto in frigorifero.

Sono estremamente versatili e potete abbinarle ad altri antipasti o secondi.

Oppure in alternativa, per una merenda rustica e veloce, godervele su una fetta di pane.

CONSIGLI

Immergete sempre un uovo in più!

Sarà il vostro salvagente nel caso ci fossero piccoli inconvenienti!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!