Crostoli triestini (chiacchere di carnevale)

Crostoli triestini (chiacchere di carnevale)
Crostoli triestini (chiacchere di carnevale)

I crostoli triestini altro non sono che quel dolce che nel resto d’Italia prende il nome di chiacchere o frappe o cenci a seconda delle zone. Il dolce tipico di carnevale insomma, quello che da sempre accompagna le festicciole dei bambini vestiti in maschera e degli adulti che ricordano la loro infanzia. I crostoli, facilissimi da realizzare sono generalmente fritti ma possono essere tranquillamente  cucinati in forno, cottura che li rende sicuramente più leggeri. In ogni caso l’importante è che siano ricchi, ma tanto ricchi di zucchero a velo!!! Se non dovete consumarli subito vi consiglio di cuocere i vostri crostoli nella maniera che preferite e di aggiungere lo zucchero a velo solo prima di servirli. Avrete così un dolce come appena fatto!

Potete seguire e restare aggiornati sulle mie ricette anche su Facebook all’indirizzo:

https://m.facebook.com/Pronti-a-Tavola-1684180451798463/

Ingredienti

·         350 gr di farina 00

·         100 gr di zucchero semolato

·         2 uova

·         ½ bicchiere di grappa (in alternativa vino bianco)

·         1 noce di burro

·         1 pizzico di sale

·         1 litro di olio di semi di arachide per friggere

·         zucchero a velo per la guarnizione

Procedimento

Per i crostoli triestini iniziate con il mettere su di un tavolo da lavoro la farina a fontana e di aggiungere nel centro tutti gli ingredienti: lo zucchero semolato, le uova, la grappa, la noce di burro ammorbidito e un pizzico di sale. Lavorate ben bene la pasta che però non deve risultare molto dura. Se necessario aggiungete ancora un pochino di grappa.

Con l’aiuto di un mattarello stendete la pasta dando uno spessore di 3-4 millimetri. Con la rotella per dolci tagliate delle striscioline di dimensioni  rettangolari o a losanghe.

In una padella mettere l’olio di semi e portarlo a temperatura. Immergete delicatamente e poco alla volta i crostoli che dovranno appena dorarsi. Non lasciateli molto nell’olio perché rischiano di indurirsi. Man mano che sono cotti, toglieteli dal fuoco e metteteli su carta assorbente da cucina per perdere l’unto in eccesso.

Cospargete di zucchero a velo e…..buon appetito!

Precedente Purè di fave e cicorie alla leccese Successivo Tagliatelle pescespada e menta