Agnello di pasta di mandorla

L’agnello di pasta di mandorla è il dolce che per eccellenza mi fa pensare alla Pasqua. Era tradizione, ogni anno, una decina di giorni prima della ricorrenza, prepararlo con mia madre. Ed era una sorta di rito, che mi lasciava incantata tutte le volte. Ovviamente, se non avete le forme per fare l’agnello usate pure formine di qualsiasi tipo (quelle per tartellette sono perfette!) Così come per la testa, se non trovate in commercio quelle in gesso (come quella della foto) cercate di modellarla con le mani. E’ semplicissimo.
Potete seguire e restare aggiornati su tutte le mie ricette anche su Facebook all’indirizzo: http://www.facebook.com/prontiatavola/

Agnello di pasta di mandorla
  • Difficoltà:
    Alta
  • Preparazione:
    40 minuti
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Mandorle pelate 1 kg
  • mandorle amare 2
  • Zucchero 750 g
  • Pan di Spagna 200 g
  • Cioccolato fondente al 55% 100 g
  • Confettura di pere 100 g
  • Strega liquore 4 cucchiai
  • Acqua 2 cucchiai

Preparazione

  1. Agnello di pasta di mandorla

    Per l’agnello di pasta di mandorla iniziate con il triturare le mandorle. In un mixer mettere metà dello zucchero, le mandorle pelate e le due (solo due mi raccomando!) mandorle amare. Riducete tutto in poltiglia. In una pentola di alluminio mettete il restante zucchero, 2 cucchiai di acqua e il composto che avete macinato. Mescolate di continuo sino a quando tutto lo zuccherò si sarà sciolto e si sarà ben amalgamato con le mandorle. Non eccedete con l’acqua: se avrete pazienza otterrete la pasta di mandorle perfetta e non umidiccia. Appena avrete raggiunto la giusta consistenza (la pasta di mandorla dovrà essere omogenea e non grumosa) spegnete il fuoco e lasciate raffreddare.

    Prendete uno stampo a forma di agnello (o qualsiasi altra forma vogliate) e foderatelo con pellicola trasparente. Mettete della pasta di mandorla lungo le pareti e premete con le mani affinché aderisca perfettamente. Mettete all’interno il pan di spagna inumidito con il liquore aromatico (la ricetta tradizionale prevedeva il liquore Strega), il cioccolato fondente a scaglie e la marmellata di pere (o anche di altro gusto a vostra scelta). Ricoprite lo stampo con altra pasta di mandorle premendo sempre molto bene per evitare che restino bolle.

    Prendete un vassoio o un piatto da portata e appoggiate lo stampo con la parte di pasta di mandorla rivolta verso il basso. Con l’aiuto della pellicola eliminare la forma facendo ben attenzione a non rompere l’agnello. Eliminate la pellicola e decorate la vostra pasta di mandorla come meglio credete.

Precedente Cuddhrura o puddhrica Successivo Uovo sodo a cilindro

Lascia un commento