Crea sito

VANILLINI biscotti alla vaniglia

 

I VANILLINI sono dei semplici e profumati biscotti alla vaniglia da preparare quando si ha voglia di un biscotto semplice e genuino, che ricordi i biscotti di quando eravamo bambini.


I biscotti alla vaniglia che ho chiamato VANILLINI sono composti da una frolla fine grazie all’utilizzo dello zucchero a velo. Sono buonissimi da mangiare da soli ma potete arricchirli spalmandoli di confetture o crema alla nocciola per non parlare della deliziosa ganache agli arachidi!

LEGGI ANCHE: ALTRE RICETTE DI BISCOTTI

biscotti alla vaniglia
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo20 Minuti
  • Tempo di cottura12 Minuti
  • Porzionicirca 40 biscotti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 175 gFarina 00
  • 100 gBurro
  • 90 gZucchero a velo vanigliato
  • 1Tuorlo
  • 1 cucchiainoEstratto di vaniglia (oppure 1 bacca)

Preparazione

  1. Versate la farina ed il burro tagliato a piccoli pezzi in una ciotola; lavorateli fino ad ottenere un composto farinoso.

    Unite lo zucchero a velo e legate il composto con il tuorlo e l’estratto di vaniglia.

    continuate a lavorare il composto anche se vi sembra non legare senza aggiungere altri liquidi.

    Se usate una planetaria lavorate a velocità bassa (2) per almeno un paio di minuti; spegnete non appena l’impasto inizia a compattarsi.

  2. Stendete l’impasto ad uno spessore di circa 4 mm e, con l’aiuto di una rotella tagliapasta, realizzate dei rombi. Disponeteli leggermente distanziati sulla teglia del forno ricoperta con carta antiaderente e lasciate riposare in frigorifero 20 minuti.

    con queste dosi vi verranno 2 teglie.

  3. Preriscaldate il forno a 180°C e cuocete i vanillini per circa 12 minuti; sfornateli quando cominciano a dorare.

Ti piace Profumo di Vaniglia?

Se volete essere sempre aggiornati sulle nuove pubblicazioni, seguitemi anche sulle mie pagine social: FacebookInstagramTwitterPinterest

Cibo per la mente

Ciò che è consueto intesse intorno a noi una ragnatela sempre più solida, e presto ci accorgiamo che i fili sono diventati funi e che noi stessi siamo seduti al centro, come un ragno che è rimasto impigliato e deve nutrirsi del suo stesso sangue.

Per questo lo spirito libero odia tutte le abitudini e le regole, tutto ciò che è duraturo e definitivo, e per questo lacera continuamente, seppur con dolore, la tela in cui è invischiato, sebbene ciò gli procurerà piccole e grosse ferite dolorose – quei fili infatti deve strapparli dal proprio corpo, dalla propria anima.

Friedrich Wilhelm Nietzsche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.