Crea sito

TORTA con MASCARPONE e gocce di cioccolato

 

Instancabilmente alla ricerca di nuovi dolci e varianti per la colazione ho infornato questa torta con mascarpone e gocce di cioccolato.

Una torta ricca ma dal sapore semplice che ho “alleggerito” utilizzando una parte di formaggio spalmabile. Se preferite non avanzare la vaschetta di mascarpone (che solitamente sono minimo da 250 gr) potete anche non usare il formaggio e consumare tutto il mascarpone.

Ricetta super facile, si mescola e si inforna. 😉

torta con mascarpone e gocce di cioccolato
  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: 40 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: tortiera diam. 20
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 250 g Farina 00
  • 170 g Mascarpone
  • 70 g Formaggio fresco spalmabile
  • 150 g Zucchero
  • 80 ml Olio di semi
  • 60 g Gocce di cioccolato
  • 3 Uova
  • 1 bustina Lievito in polvere per dolci
  • 1 pizzico Sale

Preparazione

  1. Amalgamate il mascarpone con il formaggio spalmabile e lo zucchero; una volta ottenuta una crema omogenea utilizzate le fruste elettriche per incorporare le uova e l’olio a filo.

    Per ultimo aggiungete la farina ed il lievito; quando il composto sarà liscio aggiungete anche le gocce di cioccolato mescolando solo il necessario per distribuirle all’interno del composto in modo omogeneo.

  2. Imburrate e infarinate la tortiera, quindi versate il composto. Cuocete in forno già caldo a 180° per circa 40 minuti.

    Prima di sfornare fate la prova dello stecchino infilando uno stuzzicandenti al centro della torta; se esce asciutto potete spegnere il forno altrimenti proseguite la cottura per altri 5 minuti.

    Lasciate raffreddare perfettamente la torta al mascarpone prima di estrarla dalla tortiera.

Ti piace Profumo di Vaniglia?

Se volete essere sempre aggiornati sulle nuove pubblicazioni, seguitemi anche sulle mie pagine social: Facebook , InstagramTwitter ,  Pinterest

Cibo per la mente

Per l’occidentale contemporaneo, anche quando gode di buona salute, il pensiero della morte costituisce una sorta di rumore di fondo che si insinua nel suo cervello man mano che progetti e desideri vanno sfumando. Con l’andar del tempo, la presenza di tale rumore si fa sempre più invadente; la si può paragonare a un brusio sordo, talvolta accompagnato da uno schianto. In altri tempi, il rumore di fondo era costituito dall’attesa del regno del Signore; oggi è costituito dall’attesa della morte. Così è.

 Le particelle elementari, Michel Houellebecq

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.