Crea sito

PANBRIOCHE SENZA UOVA e SENZA BURRO

Il PANBRIOCHE SENZA UOVA E SENZA BURRO che ho preparato oggi è sofficissimo ed ha un segreto…

Avete mai sentito parlare del water roux? Si tratta di un pre impasto DI ORIGINE ORIENTALE e nella panificazione rappresenta l’ingrediente segreto per ottenere un pane soffice e ben lievitato.


L’ho utilizzato per la prima volta per preparare questo panbrioche senza uova e senza burro.Il risultato è stato semplicemente strabiliante! Un pane alto e sofficissimo che si è mantenuto praticamente inalterato per tre giorni, ben chiuso in un sacchetto. Mangiato da solo o spalmato di marmellata ha accompagnato le nostre colazioni e poi…purtroppo è finito!Provatelo, è davvero irresistibile! E non fatevi spaventare dal water roux….è semplicissimo da preparare ed il risultato paga al 1000 per mille!


Prova anche la TORTA BRIOCHE CON CREMA ALL’ARANCIA!
  • DifficoltàMedio
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione45 Minuti
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzionistampo da plumcake
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Water roux

  • 25 gFarina 00
  • 125 gAcqua

Impasto

  • 240 gFarina Manitoba
  • 240 gFarina 00
  • 250 mlLatte
  • 40 mlOlio di semi
  • 80 gZucchero
  • 35 gLievito madre secco
  • 1 cucchiainoSale

Preparazione

Water roux

  1. Mettete la farina per il water roux in un pentolino; aggiungete poca acqua e mescolate in modo da renderla cremosa ed evitare la formazione di grumi. Continuate fino ad esaurire l’acqua prevista dalla ricetta.

    Mettete il pentolino sul fuoco e, continuando a mescolare, attendete che si addensi diventando una crema tipo besciamella. Se volete essere precisi usate un termometro da cucina; spegnete quando la temperatura sarà arrivata a 65°.

    Lasciate raffreddare.

Impasto

  1. PANBRIOCHE SENZA UOVA e SENZA BURRO

    Mettette nella ciotola della planetaria i due tipi di farine, lo zucchero ed il lievito madre secco; montate il gancio a foglia e mescolate a velocità 1. Versate a filo il latte mentre l’impastatrice è in funzione e poi, a seguire, il water roux ormai raffreddato.

  2. Quando l’impasto sarà diventato omogeneo aggiungete il sale e versate l’olio lentamente; attendete che venga incorporato quindi sostituite il gancio montando quello apposito per gli impasti.

    Portate la velocità a 2 e lasciate lavorare per 6-8 minuti; l’impasto dovrà staccarsi dalla ciotola attorcigliandosi sul gancio ed essere diventato elastico.

    Appallottolate la pasta e mettetela a riposare in forno con una ciotola di acqua quasi bollente. Attendete che il volume raddoppi (ci vorranno 2-3 ore).

  3. Spennellate lo stampo da plumcake con dell’olio e infarinatelo.

    Dividete l’impasto ormai lievitato in tre parti lavorandolo il meno possibile; con la punta delle dita stendete le tre parti in modo da ottenere delle striscie larghe circa 8 cm. Arrotolate le strisce e poggiatele all’interno dello stampo.

    Lasciate riposare nuovamente finchè l’impasto raggiunge il bordo dello stampo; cuocete in forno preriscaldato a 180° per 40 minuti posizionando una ciotola di acqua accanto allo stampo.

    Dopo circa 30 minuti verificate la doratura del panbrioche e se lo vedete troppo colorito copritelo velocemente con un foglio di alluminio senza estrarre lo stampo dal forno.

    Lasciate raffreddare completamente prima di sfornarlo.

  4. Il panbrioche si conserva benissimo fino a 3 giorni all’interno di un sacchetto di plastica ben chiuso; in alternativa potete affettarlo e congelare le singole fette.

Cibo per la mente

Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori, le cortesie, l’audaci imprese io canto, che furo al tempo che passaro i Mori d’Africa il mare, e in Francia nocquer tanto, seguendo l’ire e i giovenil furori d’Agramante lor re, che si diè vanto di vendicar la morte di Troiano sopra re Carlo imperator romano.

Orlando Furioso, Ludovico Ariosto

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.