Le ERBE in CUCINA – dal dragoncello alla lavanda

Dedicare un angolo del proprio giardino o del proprio terrazzo alla coltivazione delle piante aromatiche è un ottimo sistema per avere a disposizione una fonte quasi continua di questi preziosi vegetali; utilizzare le ERBE IN CUCINA vi aiuterà a migliorare e variare il sapore dei vostri piatti.

Bisogna tenere presente che le proprietà delle piante raccolte al momento dell’utilizzo sono sicuramente maggiori di quelle conservate ed essiccate.

Soprattutto tenete presente che coltivare le erbe non è difficile: si tratta infatti di specie rustiche, spesso resistenti a climi rigidi e che difficilmente vengono attaccate da malattie o parassiti.

Se siete alle prime armi oltre che consultare qualche manuale sarà sicuramente utile chiedere consiglio al vostro vivaio di fiducia.

QUALI ERBE USARE IN CUCINA

♣ Dragoncello

Si tratta di un’erba dal sapore intenso e leggermente piccante che ricorda vagamente quello del sedano. In genere si preferisce utilizzare il dragoncello appena raccolto perchè conserva un aroma più ricco ma lo si trova anche essiccato.

Raccolta: si raccolgono le sommità fiorite ed i rametti giovani e teneri. Lo si coltiva nell’orto perchè è difficile trovarlo allo stato spontaneo.

Proprietà: molto utile in caso di inappetenza ed anche in caso di difficoltà digestive, mentre è controindicato per le donne in gravidanza.

 

♣ Erba cipollina

In cucina l’erba cipollina è stata ampiamente riscoperta negli ultimi anni e viene impiegata per insaporire insalate, zuppe ma anche uova e creme. Ha un aroma più delicato della cipolla ed è quindi indicata per tutte quelle pietanze in cui un sapore troppo deciso rovinerebbe il mix di sapori.

E’ bene evitare di sottoporre l’erba cipollina alle lunghe cotture; meglio utilizzarla cruda oppure aggiungerla negli ultimi minuti di cottura.

Raccolta: le foglie possono essere raccolte durante tutto l’anno e ricrescono poi spontaneamente; attenzione a non indebolire troppo il ceppo!

Proprietà: per gustare appieno le proprietà aromatiche dell’erba cipollina è bene utilizzarla fresca o congelata. Una volta essiccata infatti gli aromi vengono persi.

 

♣ Finocchio selvatico

Fondamentale per i fumetti di pesce ed in generale per carni e sughi; molto apprezzato anche in pani, focacce, taralli, biscotti.

Raccolta: tutta la pianta ha un aroma intenso quindi oltre ai semi si possono utilizzare le foglie ed i rami più giovani. I semi vanno raccolti tra ottobre e novembre mentre il resto della pianta lo si consuma fresco durante l’intera stagione vegetativa.

Proprietà: l’olio essenziale del finocchio selvatico favorisce la digestione; basta masticare qualche seme dopo i pasti per goderne dei benefici.

 

♣ Ginepro

Le bacche sono ottime per aromatizzare arrosti e, in generale, pietanze a base di carne. Si possono utilizzare anche mescolate ai funghi essiccati.

Per le proprietà medicinali sono anche molto utilizzate per realizzare liquori e digestivi mentre il legno viene utilizzato per l’affumicazione dei cibi.

Raccolta: si raccolgono le foglie dei rametti più giovani mentre per la raccolta delle bacche è sufficiente scuotere leggermente l’arbusto.

Proprietà: balsamico, tonico, antireumatico, viene consumato soprattutto per curare bruciori di stomaco, per problemi diuretici ed anche per mestruazioni irregolari. I massaggi con l’olio di ginepro alleviano i dolori; respirarne i vapori invece è utile in caso di raffreddori.

 

♣ Lavanda

Dal sapore amarognolo ma gradevole si è incominciato ad utilizzarla anche nella cucina italiana; si trovano sia ricette dolci che salate.

Raccolta: si raccolgono i fiori con una piccola parte di fusto e foglie.

Proprietà: grazie all’alto contenuto di olio essenziale la pianta di lavanda è molto utilizzata come battericida e antisettico. Viene quindi usata per preparare suffumigi per lenire affezioni dell’apparato respiratorio

Bibliografia:

Atlante gastronomico delle erbe di Andrea Pieroni
Erbe e aromi ed. Demetra

Precedente PATATE ripiene alla SCAMORZA Successivo Pasta frolla di GRANO SARACENO senza UOVA

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.