Crea sito

Parigina: la pizza parigina napoletana

La parigina è una pizza rustica tipica di Napoli, fatta da una base di pasta per la pizza farcita con pomodoro, provola e prosciutto cotto e ricoperta da pasta sfoglia. Una vera bontà! anche se non proprio leggera che si trova in ogni bar e rosticceria.
Io pur essendo campana l’ho scoperta quando sono andata all’università a Napoli e mi sono trovata in una rosticceria per il pranzo.
Perché si chiama parigina anche se è nata a Napoli? La tradizione vuole che sia nata nel ‘800 da un cuoco francese per la regina Maria Carolina, ma il nome sembra sia stato dato da un suo collaboratore napoletano che non aveva in mente Parigi ma voleva sottolineare che la pizza era stata fatta “pa rigina” ( per la regina), italianizzato è diventato parigina.

parigina
  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • CucinaItaliana

Ingredienti

teglia 30×35
  • 400 gfarina
  • 270 gacqua
  • 10 glievito di birra fresco
  • 10 gsale
  • 1 cucchiaioolio di oliva

Ripieno

  • 200 gpassata di pomodoro
  • 250 gprovola
  • 150 gprosciutto cotto
  • 1 rotolopasta sfoglia
  • 1uovo (per pennellare)

Preparazione

  1. Mettete in una ciotola la farina, sciogliete il lievito in un po’ d’acqua, presa dal totale, e versate sulla farina.

    Aggiungete il resto dell’acqua, iniziate ad impastare, verso la fine aggiungete il sale e l’olio.

    Impastate fino ad avere un panetto bello liscio ed elastico. Potete impastare a mano o con la planetaria non è difficile. Fate riposare 10 minuti e fate un giro di pieghe a 3, in questo modo anche se non avete impastato bene darete forza all’impasto.

    Mettete in un contenitore unto, coprite e fate lievitare fino al raddoppio, circa 3 ore( se molto caldo anche prima).

    Prendete l’impasto e stendetelo in una teglia leggermente oliata, fate riposare per circa 30 minuti.

    Nel frattempo condite i pomodori con un pizzico di sale e un filo d’olio.

    Farcite la pizza coprendo la base con il pomodoro ma lasciando i bordi liberi, poi mettete il prosciutto e per ultimo la provola.

    Stendete la pasta sfoglia con un mattarello per darle le dimensioni della teglia.

    Coprite la pizza, sigillate i bordi, bucherellate la sfoglia e spennellatela con un uovo sbattuto.

    Cuocete a 200°C per 15 minuti nella parte bassa del forno, poi passate nella parte centrale e continuate per altri 15/20 minuti , fino a doratura della sfoglia.

    Fate riposare per circa 10 minuti, poi tagliate e servite.

    La parigina è buona anche fredda e il giorno dopo.

  2. parigina: la pizza parigina napoletana
/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.