Gattò di patate (o’ Gattò)

Il gattò napoletano (o’ gattò) un tipico piatto della tradizione culinaria partenopea,, uno sformato di patate ripieno di salumi,formaggi e latticini e cotto nel forno.Può essere farcito con salumi e latticini vari in base ai propri gusti. Il termine gattò significa tortino cotto al forno a base di patate, uova, formaggio, ecc., tipico della cucina napoletana Il termine Gâteau. deriva dal francese Gradit e significa torta,gâteau viene usato genericamente per indicare qualsiasi torta dolce o salata, soprattutto se farcita (come esempio il GRADIT dà gâteau al cioccolato), in realtà la regina di francia affidò la gestione delle cucine ai cuochi chiamati all’epoca monsieurs (Monzù). Quindi inizialmente un piatto francese a base di solo patate,rivisitato poi dai chuochi napoletani presso Ferdinando I Borbone farcendolo con salumi e formaggi e dando quindi il proprio nome come Gattò.
Secondo quanto si narra, il Gattò fu un piatto creato per il banchetto di nozze della regina Maria Carolina, figlia di Maria Teresa Lorena-Asburgo, moglie di Ferdinando I Borbone, nel 1768.“. Il Gattò è considerato un piatto unico, vista la ricchezza di ingredienti.Un piatto unico molto gustoso Ricetta Gattò di patate

  • Preparazione: 30 Minuti
  • Cottura: 40 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 6 Porzioni
  • Costo: Basso

Ingredienti

Per la base

  • 1 kg patate
  • 3 Uova
  • 50 g Sugna o olio e.v.o.
  • 1/2 bicchiere Latte tiepido
  • 100 g Pangrattato
  • q.b. Pepe
  • q.b. Sale

Per la farcitura

  • 200 g mozzarella o fiordilatte
  • 200 g provola o scamorza
  • 150 g prosciutto cotto o mortadella (a pezzo doppio)
  • 150 g Salame napoletano (doppio)
  • 200 g cacio cavallo o emmental
  • 100 g Parmigiano grattugiato

Procedimento

Lessare le patate con tutta la buccia in abbondante acqua salata fino a che non saranno morbide

Tagliare la mozzarella e i salumi a dadini

quando le patate saranno cotte, sbucciarle ancora calde e schiacciarle nello schiacciapatate in una ciotola grande.

Aggiungere la sugna o l’olio e.v.o.,le uova, il parmigiano, il sale e il pepe e mescolare bene con le mani per far amalgamare tutto aggiungendo il il latte tiepido poco per volta mentre amalgamate.

Aggiungere poi la mozzarella o il fiordilatte,la provola o la scamorza,il salame,il prosciutto,la mortadella e il caciocavallo o l’emmental e amalgamare tutto

Imburrare tutta la teglia sul fondo e nei lati e cospargerla di pangrattato sul fondo e nei lati

quindi immergere il tutto nella teglia e stendere il composto e schiacciare con le mani

Cospargere con il pangrattato un po’ di parmigiano grattugiato e mettere in frigorifero per almeno 1 ora.

Al momento di infornare preriscaldare il forno, aggiungere dei fiocchetti di sugna o burro in superficie e infornare il gattò per 30 – 40 minuti a 180°.fino a quando non si forma una crosta dorata

Togliere il gattò dal forno,e servirlo in tavola dopo averlo fatto riposare per 10 minuti

 

(Visited 52 times, 1 visits today)
Precedente Paccheri con ricotta e pomodoro Successivo Tortellini panna e prosciutto