Petto di pollo alle mandorle

Petto di pollo alle mandorle: ricetta inglese i cui ingredienti, di origine coloniale, danno un classico sapore orientale.

Petto di pollo alle mandorle
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    15/20 minuti
  • Cottura:
    15/20 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • Petto di pollo (150/200 gr. l’uno) 4
  • Olio 4 cucchiai
  • Sale q.b.
  • Sedano bianco (costole) 2
  • Cipolline (novelle) qualche
  • Burro 40 g
  • Mandorle pelate (tagliuzzate) 100 g
  • Zenzero (sciroppato ) q.b.
  • sciroppo di zenzero (nei supermercati con alimenti etnici) 1 cucchiaio
  • Brodo 250 ml
  • Fecola di patate 2 cucchiai
  • Sherry (o altro vino liquoroso) 2 cucchiai
  • Salsa di soia 1 cucchiaio

Preparazione

  1. Petto di pollo alle mandorle

    È necessario dire in partenza che la ricetta è ottima anche se non trovate lo zenzero sciroppato.

    Tagliate i petti di pollo a striscioline dello spessore di mezzo centimetro.

    Fate scaldare l’olio in una padella, adagiatevi dentro il pollo e lasciatele rosolare per 5 minuti.

    Quindi salatelo, levatelo dal fuoco e tenetelo al caldo.

    Tagliate il sedano a pezzetti e le cipolle ad anelli sottilissimi.

    Fate fondere il burro in una casseruola, buttatevi dentro il sedano, le cipolle, le mandorle e lasciate insaporire tutto per 5 minuti, mescolando continuamente.

    Sgocciolate i pezzi di zenzero dallo sciroppo e tritateli finemente.

    Aggiungeteli al composto insieme con i petti di pollo tagliuzzati, rigirando tutto bene.

    Irrorate quindi con lo sciroppo di zenzero, unite anche il brodo bollente e lasciate sobbollire per un attimo.

    Stemperate in una tazza la fecola con lo sherry e la salsa di soia, incorporatela al composto, rimestando velocemente, e portatelo di nuovo per un momento a ebollizione.

    Disponete infine il petto di pollo alle mandorle in una coppa di servizio e servitelo subito con del riso bollito a parte.

Precedente Pesto alla genovese Successivo Petti di pollo alla provenzale

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.