TORTA MORBIDA PASTELLO E CAKE POP

Per il mio compleanno ho voluto provare la torta morbida pastello che avevo visto sul blog di Csaba della Zorza “Vanity-fair”.
Purtroppo diverse cose non sono andate per il verso giusto.  Per cui ho dovuto apportare delle modifiche man mano che mi si presentavano i problemi.
La ricetta originale è questa qui
Ho fatto due pandispagna da tagliare a metà entrambe, per fare una torta alta a più strati, come piace a me, ma uno dei due quando l’ho tagliata mi si è drammaticamente sbriciolata. Quindi ho dovuto fare un solo strato (all’italiana). Comunque il pds è morbidissimo, davvero buonissimo.
Contemporaneamente la crema pasticcera è venuta troppo liquida, per cui ho aggiunto 4 fogli di gelatina ammollati e strizzati e sciolta in un poco di crema fredda. 
Ho avvolto il primo disco di torta con un anello da pasticceria della stessa misura e ci ho versato tutta la crema morbida, ho unito la frutta (le banane a quadretti e i lamponi interi), ho coperto col secondo disco e messo in frigor a rassodare.
Per bagnare il pandispagna, anzichè il sidro ho usato il succo di mela.




La glassa di copertura era troppo abbondante quindi ho sbriciolato fine  il pandispagna rotto, l’ho amalgamato bene con la glassa al mascarpone avanzato e ne sono saltati fuori dei buonissimi cake pop. Ho fatto le palline e le ho messe in freezer. Prima che congelassero completamente vi ho messo i bastoncini. Quando erano indurite bene sono passata alla glassatura.




Ma anche per i cake pop le cose non sono andate bene. Per la prima volta ho usato i candy melts ma la glassa era troppo soda per i miei gusti quindi ho provato ad aggiungere un goccio di latte ma non l’avessi mai fatto! Il composto si è tutto raggrumato! Da buttare! Quindi ho fatto come le altre volte, li ho ricoperti di cioccolato fuso.

Comunque,  nonostante tutto, sono soddisfatta del risultato. Ma la prossima volta la torta la ricoprirò di panna montata (all’italiana) perchè la glassa al mascarpone nel frigor diventa solida e dura, quindi vi consiglio di tirarla fuori dal frigor mezz’ora prima del consumo.









Precedente LA CROSTATA CON I BACI Successivo CROSTATA SALATA AI FUNGHI, MORTADELLA E CRESCENZA