TORTA DI MELE, NOCCIOLE E AVENA PER RE-CAKE 2.0

Cercavo una torta salutare, integrale, ricca di fibre, per la colazione, e l’ho trovata.
E’ la torta che è stata scelta dal gruppo di Re-Cake per la sfida di febbraio di quest’anno.
Questa torta mi è piaciuta talmente tanto che l’ho fatta ben tre volte.
 La prima volta in una tortiera rotonda, l’ho anche fotografata ma non mi era piaciuto il fatto che le mele erano sprofondate e non si vedevano.
Poi ho fatto il plumcake ma non l’ho fotografato.
Ora l’ho rifatta con il doppio dell’impasto e ho voluto fare sia il plumcake che i mini plumcake.
E’ deliziosamente rustica, è una carica di energia al mattino e ti lascia appagata nel corpo e nello spirito.
Non ho fatto variazioni nell’impasto.
Non avevo la farina di nocciole nè quella di avena. Quindi ho tritato nel mixer l’avena in fiocchi e le nocciole intere fino a ridurle a farina.
Il latticello l’ho sostituito mescolando insieme latte scremato e yogurt.

Ingredienti:


105 g di farina di riso
50 g di nocciole intere tostate e spellate
60 g di fiocchi d’avena
2 cucchiai di crusca di avena
1 bustina di lievito per dolci
12 cucchiaio di cannella in polvere
14 di cucchiaio di zenzero in polvere
12 cucchiaino di sale fino
3 uova medie
150 g di zucchero di canna
125 ml di latticello (oppure latte scremato e yogurt)
125 ml di olio extravergine d’oliva delicato
1 cucchiaio di estratto di vaniglia


Per il topping:
mele
50 g di nocciole tritate
2 cucchiai di crusca e fiocchi di avena


Procedimento:


Tritate nel mixer le nocciole e i fiocchi d’avena fino a ottenere una farina.

Preriscaldare il forno a 170° (il mio forno cuoce bene a questa temperatura) a modalità statica.

Imburrate e infarinate la teglia prescelta.

In una ciotola miscelare insieme tutte le farine, le spezie, il lievito e il sale e mettere da parte.

In un’altra ciotola sbattere insieme le uova e  lo zucchero di canna.
Unire l’olio e il latticello.

Unire insieme gli ingredienti secchi con quelli umidi.
Si ottiene una crema morbida.
Versare l’impasto nella tortiera e/o nei pirottini.

Disporre in cima le mele sbucciate e tagliate a fettine.
Cospargere la superficie con crusca, fiocchi d’avena e le nocciole tritate.

Cuocere in forno fino a che uno stecchino inserito nel centro uscirà pulito.
A me il plumcake si è cotto in 20-25 minuti e i mini plumcake in 10-15 minuti circa.

Qui la foto dell’impasto crudo.
I pirottini di carta da mini plumcake non occorre imburrarli.

Partecipo alla sfida di Re-Cake 2.0
organizzata da CarlaClaudiaGiuliaIleanaSara e Silvia.
Precedente TORTELLI ALL'UVETTA Successivo CRACKER DI CECI

28 commenti su “TORTA DI MELE, NOCCIOLE E AVENA PER RE-CAKE 2.0

  1. Natascia, meraviglioso sia il plumcake grande che i mini,sono una vera delizia golosa! Sono soffici e profumati, sei stata bravissima!!!La torta di mele è un classico intramontabile, adoro queste piccole delizie che hai creato! bravaaaaaaaaaaaaaaa!Un abbraccio Laura<3<3<3

  2. hai ragione è davvero una favola!!!mi hai fatto venir voglia di correre a casa per rifarla!!!a prestooo bellissimo il tuo blog!!!

  3. Mi unisco al coro di "ma quante ne hai fatte?"… Anch'io l'ho provata (una sola volta per ora) e confermo che è davvero il dolce perfetto per la colazione… sano, rustico e saporito. Ideale per iniziare al meglio la giornata! A presto!

  4. Troppo bella questa versione di torta alle mele, ti è proprio venuta bene, complimenti! Proverò sicuramente anch'io!un caro saluto e complimenti per il blog

  5. Allora tre volte brava….il formato a plumcake è quello che mi piace di più, ma è solo un dettaglio, sia rotonda che monoporzione o a plumcake penso sia una bontà assoluta!!!Baci

    • Nella versione mignon si sente la mela a tutto spessore. Invece nella versione grande la mela è solo in superficie e sotto si sente tutto l'impasto. A me piace in tutti i due i modi. Come dici tu una bontà assoluta! Baci!

  6. Hi , I do believe this is an excellent blog. I stumbled upon it on Yahoo , i will come back once again. Money and freedom is the best way to change, may you be rich and help other people.

I commenti sono chiusi.