Carciofini sott’olio

Conservare le verdure sott’olio per la mia mamma è uno dei doveri della casalinga. Il piacere che deriva dal gustare i carciofini sott’olio fatti in casa è indescrivibile e finora non ho mai sentito un parere contrastante. Anno dopo anno ho captato i vari passaggi e li ho fatti miei, apportando persino una piccola dolce variante. I carciofini sott’olio hanno un sapore diverso dai carciofi normali e l’insalata lo sa.

  • DifficoltàMedia
  • CostoCostoso
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Metodo di cotturaBollitura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

E’ importante sapere che la resa dei carciofini puliti è pari a circa il 50% di quelli da pulire. Pertanto da un chilogrammo di carciofi se ne otterranno circa 500 grammi. Si acquistano a peso e non a pezzo, sono alquanto costosi, ma la loro bontà giustifica il costo.
  • 1 kgcarciofini (da pulire)
  • 250 gaceto di vino bianco (oppure di mele)
  • 250 gacqua
  • 2 fogliealloro
  • 2 cucchiainizucchero
  • 300 golio di semi di girasole

Strumenti

  • 2 Vasetti di vetro da 300 grammi circa
  • 2 capsule o coperchi possibilmente nuove

Preparazione

  1. Ecco i carciofini. Non hanno gambo e da puliti sono grandi come una noce.

  2. Man mano che vengono puliti, cioè dopo aver tolto le foglie più dure e tagliato le punte spinose, metterli in ammollo con acqua e limone, in modo che non si anneriscano. Se sono più grandi allora tagliarli in due.

    Intanto portare ad ebollizione in una pentola, l’acqua, l’aceto, lo zucchero e le foglie di alloro.

    Unire i carciofini scolati dall’acqua e limone e appena iniziano a bollire calcolare 5 minuti di cottura.

  3. Dopodichè, scolare i carciofini ed asciugarli su un canovaccio di cotone. Quando saranno freddi potranno essere sistemati in vasi di vetro precedentemente sterilizzati ed asciugati, restando al di sotto del collo del vasetto. Coprirli con olio di semi, chiudere ermeticamente il vasetto e consumare dopo circa 3 settimane.

  4. Alcuni modi per gustare i carciofini:

    insalatina di carciofini, pomodorini e olive nere, condita con olio evo e menta fresca.

  5. Oppure, aggiungere i carciofini in una bella insalata di misticanza o rucola o radicchio.

Variante

Tra un carciofino e l’altro si possono aggiungere dei pezzetti di aglio o chicchi di pepe.

Conservazione

Conservare i vasetti in luogo fresco ed al buio fino a 5-6 mesi. Una volta aperto il vasetto, consumare i carciofini in pochi giorni, tenendoli sempre coperti di olio.

L’uso di olio di semi di girasole preserva il gusto di carciofo che invece l’olio evo tende ad alterare.

Utilizzare l’olio evo per il condimento prima della consumazione.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.