Baccalà fritto

Sin da quando ero piccola, per la Vigilia di Natale il baccalà fritto non è mai mancato a tavola per pranzo o per cena. La bontà del baccalà dipende molto dalla pastella che deve essere croccante e leggera. Altro punto importante è la frittura fatta con la temperatura dell’olio giusta come da manuale di cucina, non inferiore a 175 gradi.

  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gbaccalà dissalato
  • 3 cucchiaifarina
  • birra
  • sale e pepe
  • 1/2 lolio di semi di girasole (oppure arachidi)

Strumenti

  • Padella a bordi alti per friggere
  • carta da cucina

Preparazione

  1. Il baccala dissalato evita di “curare” il baccalà salato almeno per tre giorni. In ogni caso asciugare bene il baccalà in modo che non abbia residui di acqua.

  2. Per preparare la pastella mettere in una ciotola la farina e impastare con la birra fredda fino ad ottenere una consistenza cremosa non liquida.

  3. Quindi, lavorare bene la pastella con una frusta in modo che non ci siano grumi e finire con un pò di sale e pepe.

  4. Intanto mettere sul fuoco una friggitrice dai bordi alti ed aspettare che la temperatura dell’olio raggiunga i 175 gradi.

  5. Quindi, passare nella pastella 2-3 pezzi di baccalà per volta e buttarli nell’olio.

  6. Quando i pezzi di baccalà saranno dorati su tutti i lati, scolarli bene dall’olio ed appoggiarli su un piatto con carta da forno.

    Servire il baccalà fritto ben caldo.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.