Un Attacco di Montersinite: Gli Amaretti Morbidi

Ho provato a farli svariate volte, con le ricette più disparate, prese dai libri, dal web, inventate… chi più ne ha più ne metta… ovviamente mi sono venuti sempre delle schifezze di marmo travestite da amaretti…

Poi un bel giorno ero in libreria, ho visto che era appena uscito l’ultimo libro di Luca Montersino e ne ho immediatamente comprate due copie, uno per me e l’altro da regalare a Katya a Natale.

Appena arrivata a casa mi sono messa subito a sfogliarlo e cosa ti vedo???? Questa ricetta!!!!! IO FELICE!!!

Per circa 40 amaretti

290 gr di mandorle intere pelate

40 gr di mandorle amare

315 gr di zucchero semolato

90 gr di albume d’uovo

Zucchero a velo q.b.

In un mixer tritare le mandorle con lo zucchero semolato fino ad ottenere una farina.

Versarla in una ciotola e unire l’albume. Lavorare fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Distribuire abbondante zucchero a velo sul piano di lavoro, versarvi l’impasto e lavorarlo per ottenere un panetto. Formare dei cilindri e tagliare dei pezzetti di circa 2 cm. Passare gli amaretti nello zucchero a velo e lavorarli per formare delle sfere.

Lasciarli riposare una notte intera.

Foderare una teglia con carta da forno, disporvi gli amaretti e cuocere in forno già caldo a 170° per circa 25 minuti, fino ad ottenere una leggera doratura.

La ricetta è presa pari pari dal libro, ma ci tengo ad aggiungere alcune cose.

  1. Le mandorle amare sono difficili da trovare al supermercato, io le prendo al mercato in quei banchi dove vendono frutta secca di ogni genere!
  2. E’ proprio necessario farli riposare tutta la notte? SI, è fondamentale! E ve lo dico perché ho provato a infornarne subito alcuni… si sono spatasciati sulla teglia e sono venuti una schifezza!
  3. Io li ho disposti subito sulla teglia e poi li ho messi a riposare per la notte, non saranno venuti perfetti ma sono molto soddisfacenti lo stesso!
  4. La cottura è la nota dolente… io ho un forno a gas che cuoce un po’ come gli pare, ormai lo conosco e andiamo abbastanza d’accordo, ma di fatto ho dovuto cuocerli a 150° per 14 minuti… assolutamente non fateli cuocere troppo,  se deciderete di aspettare che siano belli dorati (come i biscotti di frolla per intenderci) otterrete inevitabilmente le suddette palline di marmo… devono prendere appena colore!