Rollè all’Albicocca

Ebbene si… sono un’accanita fan della frutta associata alla carne… ovviamente papà non è d’accordo con me ed è sempre timoroso di veder spuntare un pezzo di prugna dietro un apparentemente normale petto di pollo, mentre la mia mamma ha i miei stessi gusti…

Per 4 persone fameliche o per 6 normomangianti:

700 gr circa di carne di vitella in una sola fetta

100 gr di pancetta stesa

100 gr di albicocche secche

200 ml di vino bianco

Sedano, carota, cipolla, olio E.V.O., sale e pepe

Far rinvenire le albicocche in acqua calda per circa 30 minuti.

Passare al batticarne la fetta di vitella, quindi condirla con poco sale e abbondante pepe.

Strizzare le albicocche, stenderne circa una metà sulla carne fino a coprirla (lasciando almeno 1 cm di margine per arrotolarla agevolmente), quindi coprirle con le fette di pancetta. Arrotolare dal lato corto e bloccare con la rete.

Piccola precisazione… “bloccare con la rete” sembra semplice a dirsi, di fatto se avete solo due mani è un macello, quindi alternative:

1)      Se sapete farlo legatelo con lo spago, io mi impicco lo stesso nonostante abbia provato in mille modi e in mille occasioni, quindi passo al punto 2.

2)      Se c’è qualcuno in casa con voi fategli tenere aperta la rete mentre insaccate rapidamente il mega involtino.

3)      Se fate spesso rollè e arrosti e per qualsiasi motivo le mani a disposizione sono soltanto le due che avete attaccate ai polsi, potete tornare al punto 1 e provare a legare un cuscino finchè non riuscite a farlo decentemente, oppure procuratevi un bel tubo di plastica rigida come quello che hanno in macelleria (lo trovate nei negozi di bricolage o nelle ferramenta ben fornite), infilateci sopra la rete e inserite l’arrosto/rollè dall’altro lato.

Tritare sedano, carota e cipolla, farli rosolare in 4 cucchiai di olio, aggiungere il rollè e farlo rosolare bene su tutti i lati, a fuoco vivo.

Due raccomandazioni: 1) NON usare la forchetta per girarlo, sarebbe opportuno non bucare la carne fino a cottura avvenuta, la cara vecchia cucchiarella di legno è la nostra migliore amica; 2) in questa fase partono schizzi d’olio a profusione, quindi cautela e all’occorrenza fate del coperchio il vostro personalissimo scudo!!!

A questo punto aggiungere il vino bianco e le albicocche avanzate tagliate a pezzetti, un pizzico di sale e una macinata di pepe, far evaporare il vino, aggiungere acqua calda (circa 400 ml), portare a bollore, incoperchiare e abbassare il fuoco al minimo.

Portare a cottura, ci vorrà circa 1 ora.

Una volta cotto toglierlo dal tegame, passare il fondo di cottura con un frullatore a  immersione, lasciando comunque qualche pezzettone qua e là, e far stringere la salsa se necessario.

Far freddare molto bene prima di tagliare (io lo faccio freddare completamente a temperatura ambiente e poi lo metto mezz’ora in freezer, è il modo più semplice per non far rompere le fette).

Servire freddo accompagnato dalla sua salsa calda.

Appunti01 copia