Pane Nero di Castelvetrano a modo mio!

La mia passione per i prodotti tipici è cosa nota.

Purtroppo i miei amici più cari si trovano tutti spalmati in giro per l’Italia, ma quando riusciamo a vederci si presentano sempre con cose particolari per coccolarmi un po’!

C’è chi è felice se riceve fiori e gioielli, io sono felice con due chili di farina!

Un sentito ringraziamento al Cucciolo che mi ha consentito di preparare questa meraviglia!

Chiaramente il vero pane di Castelvetrano è un’altra cosa, già che si cuoce nel forno a legna prende un sapore tutto diverso… io ho cercato di fare del mio meglio con i mezzi che avevo a disposizione e mi ritengo abbastanza soddisfatta!

La preparazione è lunga, tenete presente che ho iniziato a fare il lievitino il lunedì mattina alle 9 e ho infornato la prima pagnotta il mercoledì alle 17…

 

  • Preparazione:
  • Cottura:
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni:
  • Costo: Molto economico

Ingredienti

  • 180 g Semola rimacinata Tumminia
  • 90 ml Acqua effervescente
  • 1 g Lievito di birra
  • 1 kg Farina integrale Tumminia
  • 250 g Semola rimacinata Tumminia
  • 20 g Sale
  • 15 g Olio extravergine d'oliva
  • 750 ml Acqua
  • q.b. Semi di sesamo
  • 250 ml Acqua

Preparazione

  1. Lunedì mattina, ore 9. Sciogliere il lievito nell’acqua effervescente tiepida. Aggiungere i 180 gr di farina e impastare fino ad ottenere una palla liscia e omogenea.

    Mettere la palla in un contenitore capiente con tappo ermetico.

    Lasciare lievitare a temperatura ambiente per 12 ore, quindi riporre in frigorifero per 24 ore. Siamo nel frattempo arrivati a martedì sera, ore 21.

    Togliere la ciotola dal frigo e lasciarla a temperatura ambiente per altre 12 ore.

  2. Siamo arrivati a mercoledì mattina, ore 9. Il nostro lievitino si presenta così.

  3. Mescolare insieme le due farine, quindi aggiungere 375 ml di acqua e impastare per almeno 10 minuti.

  4. Aggiungere il lievitino spezzettato, i restanti 375 ml di acqua e l’olio.

  5. Impastare, impastare e ancora impastare… ci vorranno circa 20 minuti.

  6. Aggiungere gradualmente il sale e impastare altri 5 minuti.

  7. Aggiungere in più riprese l’ultima parte di acqua (i 250 ml vaganti, tenendo presente che potrebbero non servire tutti: è necessario valutare a mano la reale capacità di assorbimento della farina, a me sono sono serviti 230 ml) impastando almeno altri 10 minuti.

  8. Formare una palla con l’impasto e depositarlo sul piano di lavoro spolverato di farina.

  9. Coprire l’impasto con un panno umido e lasciarlo lievitare a temperatura ambiente fin quando non sarà raddoppiato.

  10. Dividere l’impasto in 4 parti.

  11. Spolverare il piano di lavoro di semi di sesamo.

  12. Modellare l’impasto in forma di pagnotta, capovolgerlo e depositarlo sui semi di sesamo, premendo un po’ per farlo aderire.

  13. Lasciare lievitare fino al raddoppio, quindi capovolgerle nuovamente e depositarle su teglia rivestita di carta da forno.

  14. Infornare in modalità statico preriscaldato a 250° e lasciare cuocere per 15 minuti.

    Abbassare quindi la temperatura a 220° e lasciare cuocere per altri 15-20 minuti.

    Cinque minuti prima del termine della cottura aprire il forno a fessura per far uscire l’umidità in eccesso.

  15. Se riuscite a resistere aspettate che si freddi prima di tagliarlo!

Note

La ricetta che ho utilizzato l’ho presa qui http://forum-ricette.cookaround.com/threads/224918-Pane-Nero-%28tipo%29-di-Castelvetrano-pane-di-grano-duro-antico-siciliano-%28Timil%C3%ACa%29

Io ho impastato tutto a mano, ma sul post da cui ho preso la ricetta ci sono le indicazioni per procedere con l’impastatrice e, per chi lo ha, con lievito madre!

4,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.