frittatina napoletana di pasta e patata su gazpacho di pomodoro

La frittatina napoletana è un classico dello street food o della rosticceria in Campania, non è semplicemente una frittella, ma una vera e propria pasta e patate con un guscio croccante ed appetitoso. Io ho voluto presentarla come un vero piatto gourmet, perchè tale ritengo che sia. Allora ho cercato di renderla ancora più interessante immergendola in un gazpacho, dando ad ogni cucchiaiata il giusto equilibrio tra la fragranza della frittatina e la freschezza del pomodoro.

  • CucinaItaliana

per la pasta e patate

ingredienti per 4 persone
  • 200 gpatate a pasta gialla
  • Mezzacipolla dorata
  • 1gambetto di sedano
  • 2 cucchiai da tavolaolio extravergine d’oliva
  • 200 gpasta mista
  • 1 lbrodo vegetale
  • 1 q.b.sale
  • 1 q.b.pepe
  • 150 gprovola di agerola
  • 200 mlbesciamella
  • 60 gparmigiano grattugiato

per la frittura della pasta

  • 2uova intere
  • 100 gfarina 00
  • 100 gpangrattato
  • 500 mlolio di semi

per il gazpacho

  • 1 kgpomodori San Marzano maturi
  • 1peperone rosso
  • Mezzacipolla di tropea
  • q.b.sale
  • q.b.olio extravergine di oliva

Preparazione della paste e patate

Tagliare la cipolla ed il sedano e sminuzzarlo con la mezzaluna o coltello mettere in un tegame insieme con l’olio.
Far soffriggere il tutto dolcemente senza far bruciare. intanto pelare le patate e tagliarle a cubetti piccolo circa 2 cm.
Aggiungere le patate al soffritto e farle rosolare qualche minuto rigirandole senza farle attaccare.
Aggiungere il brodo un pò alla volta ricoprendo le patate e farle andare a fiamma moderata fino a cottura quasi definitiva aggiungendo acqua all’occorrenza.
Intanto portare ad ebollizione l’acqua in una pentola e salare moderatamente, calare la pasta mista (a Napoli si dice “a past ammiscata”) che dovrà essere scolata molto al dente.
Aggiungere la pasta alle patate e a fiamma spenta mantecare la pasta e patate con il parmigiano, aggiustare di sale se necessario, aggiungere pepe a piacere, aggiungere la provola tagliata a cubetti piccoli aggiungere la besciamella.
Lasciare riposare e raffreddare ben bene per qualche ora (intanto vi dedicherete al Gazpacho)
Una volta raffreddata fare con il cucchiaio o con le mani delle palline di pasta e patate (poco meno di una pallina da tennis) poggiarle su di un vassoio e passarle in frigo ancora per una mezz’oretta e finalmente passate alla frittura.
  1. pronte per la doratura
In una pentola capiente portare ad ebollizione l’acqua senza salare, immergere i pomodori precedentemente lavati, lasciare i pomodori nel bollore per circa 2 minuti non di più.
Scolare i pomodori ed immergerli in acqua ghiacciata questo processo servirà a spellare i pomodori mantenendoli comunque crudi all’interno.
Privare i pomodori dei semi e riporli in una ciotola capiente ed alta nella quale dovrete poi usare il frullatore ad immersione.
Lavate il peperone privatelo di semi e tagliato a listarelle o cubetti ed aggiungetelo nella ciotola.
Mondate una cipolla di tropea e prenderne una metà (magari potreste usare la restante metà per la pasta e patate) e tagliata a pezzettoni unire nella ciotola.
Frullare bene il tutto magari aggiungendo giusto un goccio d’acqua, alla fine setacciare il composto per eliminare le fibre, aggiustare di sale e tenere da parte per l’impiattamento.

Per la frittura della pasta
prendere le palline di pasta preparate e ben fredde passarle nella farina, poi nell’uovo e poi ripassarle nel pangrattato.
In un pentolino alto portare l’olio di semi ad una temperatura di circa 170 gradi ed immergervi ad una ad una le palline di pasta sollevarle quando belle dorate con un ragno e porle su carta assorbente.

IMPIATTAMENTO
in un piatto fondo bianco versare un mestolo o due (a seconda del mestolo) adagiarvi al centro due frittatine versare un filo d’olio sul gazpacho decorare con qualche fogliolina di basilico e gustare con un cucchiaio. BUON APPETITO

4,8 / 5
Grazie per aver votato!