CIPOLLE ROSSE IN AGRODOLCE

CIPOLLE ROSSE IN AGRODOLCE

Ricetta di Piero Benigni

Queste cipolle sono veramente gustose e accompagnano molto bene piatti di carne arrosto, alla griglia o in umido, ma anche pesce, uova ed altro ancora. Sono facili, poco costose e con risultato garantito.

 

  • DifficoltàBassa
  • CostoBasso
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 600 gcipolle rosse
  • 1 cucchiaiozucchero
  • 50 mlaceto rosso buono ((oppure 50 g))
  • 150 mlacqua ((oppure 150 g))

Preparazione

Mettete le cipolle in padella con un po’ d’olio

Dopo 3 minuti che cuociono bagnate con poco vino bianco

Fate cuocere per 10 minuti, poi mettete a punto di sale e infine aggiungete lo zucchero. Seguite attentamente la ricetta.

Finite di cuocere, fino a che le cipolle non saranno tenere ma sensibili sotto il dente

Note

CIPOLLE ROSSE IN AGRODOLCE

Ricetta di Piero Benigni

Il peso indicato per le cipolle corrisponde a circa 150 g a testa, ed è una quantità media per contorno. Queste cipolle in genere piacciono molto: se lo credete opportuno, aumentate la quantità. Si conservano benissimo in frigo per 3 giorni, dentro un contenitore con coperchio.

Preparate in una tazza la miscela acqua 150 ml (o grammi) e aceto 50 ml (o grammi), che sarebbe bene misurare con cura a volume o a peso.

Se non avete una bilancia digitale, usate una tazzina da caffè: prendetela 1 volta piena di aceto poi 3 volte piena di acqua, buttando ogni volta il liquido in una tazza grande.

Forse alla fine non saranno 200 ml, ma la proporzione sarà perfetta e andrà benissimo.

Tagliate le cipolle a metà e poi a fette non sottili, come ben mostra la foto. Mettete in padella due cucchiai d’olio, fatelo scaldare e aggiungete le cipolle, facendole poi rosolare per 3 minuti a fuoco allegro, girandole spesso.

COTTURA DELLE CIPOLLE ROSSE IN AGRODOLCE

Bagnatele con poco vino bianco secco, fate sfumare e versate la miscela acqua-aceto. Girate, coprite e fate cuocere a fuoco moderato per 10 minuti, girando ogni tanto.

A questo punto mettete a punto di sale, assaggiando anche più volte, fino a che non sentirete il sapore ben deciso. E’ importante farlo ora, perché una volta messo lo zucchero non potrete più sentirlo bene.

Aggiungete il cucchiaio colmo di zucchero: in padella dovrebbe esserci ancora liquido, altrimenti aggiungete un po’ d’acqua.

Girate bene e fate cuocere ancora 5 minuti. Alla fine scoprite, assaggiate e, se necessario, aggiungete un po’ di zucchero o di aceto.

Le cipolle rosse in agrodolce devono essere morbide ma non sfatte, ben sensibili sotto il dente. Se fossero ancora un po’ durette, cuocetele di più, aggiungendo qualche cucchiaio di acqua.

Fatele asciugare un po’ e le cipolle sono pronte. Va bene che ci resti un po’ di liquido, lo assorbiranno raffreddandosi. Si servono in genere tiepide o fredde, ma non di frigo.

Non si può dare una dose precisa per acqua, zucchero e aceto perché le cipolle hanno sapore e tenore di acqua che varia moltissimo. Non preoccupatevi, però: seguite la scaletta indicata qui sotto e farete un piatto prelibato, cioè:

SEQUENZA DI PREPARAZIONE

– Rosolatura iniziale per 3′

– Sfumatura con poco vino

– Aggiunta miscela acqua-aceto ben dosata e cottura per 10′

– Messa a punto del sale (molto importante)

– Aggiunta zucchero

– Messa a punto finale e asciugatura

Le cipolle rosse in agrodolce accompagnano divinamente carni arrosto, in umido o stufate, lesse e alla griglia, e poi ancora pesce arrosto o alla griglia, uova e omelettes. Quelle delle foto sono di Tropea, secche e per due persone (300 g).

Altrove in questo blog trovate la ricetta dei peperoni in agrodolce. Qui sotto il link:

LINK UTILI

peperoni in agrodolce

la cucina di piero

https://blog.giallozafferano.it/pierobenigni/cipolle-rosse-in-agrodolce/

Chi volesse approfondire la conoscenza della cucina toscana, può consultare i siti:

Wikipedia Cucina toscana

Regione toscana alimentazione

 

 

 

Precedente PASTA CON IL TONNO Successivo RISOTTO CON FUNGHI PORCINI E ZAFFERANO

Lascia un commento