Una giornata da McDonald’s, non solo per mangiare

Nei giorni scorsi ho avuto la fortuna di essere invitato alla presentazione dei panini McChicken Variation che McDonald’s ha realizzato in collaborazione con GialloZafferano e di cui ti ho già parlato in un questo articolo.

L’occasione è stata molto ghiotta in tutti i sensi in quanto, oltre a gustare in anteprima i nuovissimi McChicken Delicato e McChicken Saporito, ho avuto anche la possibilità di visitare il ristorante McDonald’s di Assago, conoscere il personale ed il loro modo di lavorare.

Mi è sempre piaciuta l’idea di ristorazione informale in quanto per moltissime persone mangiare qualcosa di veloce non è una scelta ma una vera e propria necessità; proprio per questo nel mio blog, che si chiama appunto Piatti Pronti in un Attimo, ho cercato di proporre piatti veloci e semplici da preparare.

Non è possibile però mettersi ai fornelli tutti i giorni, nemmeno per me, e proprio per questo mi sono trovato moltissime volte a pranzare o cenare in uno dei 600 ristoranti McDonald’s sparsi per tutta Italia. La mia scelta è spesso ricaduta su McDonald’s sia perché quando ho fame trovo sempre un loro ristorante vicino a me, sia perché la bontà dei panini è incredibile!!!

Durante la visita ho potuto imparare tantissime cose che non conoscevo di McDonald’s e che mi hanno stupito, affascinato ed anche entusiasmato. Non sapevo che dietro a tanta bontà ci fosse anche una qualità a dir poco eccezionale! Ho apprezzato moltissimo l’attenzione ai particolari e alle caratteristiche di ciò che viene servito.

La visita al ristorante è iniziata dalla prima cosa che un cliente si trova davanti quando entra in un loro punto vendita: il chiosco digitale touch-screen attraverso il quale puoi effettuare l’ordinazione e, se ancora non c’è nel ristorante vicino a te, sappi che presto arriverà, perché McDonald’s sta rinnovando tutti i suoi punti vendita per aggiornarli secondo il modello EOTF (Experience of the Future), che renderà la tua esperienza un vero salto nel futuro della ristorazione.

Tramite il nuovo sistema puoi effettuare l’ordinazione personalizzando il tuo panino, aggiungendo o togliendo gli ingredienti a tuo piacimento e puoi pagare – direttamente al touch-screen con carta o bancomat oppure con i contanti al personale del punto vendita. La tua ordinazione sarà visualizzata in tempo reale dagli addetti alla cucina in un apposito display ed il tuo panino sarà preparato giusto nel tempo a te necessario per accomodarti a sedere; infatti, non dovrai aspettare al bancone la tua ordinazione, ma ti sarà servita dal personale del ristorante direttamente al tavolo entro pochissimi minuti.

Dopo questo primo salto nel futuro, la visita è proseguita nel backstage, ossia nei magazzini dove vengono stoccate le materie prime; ogni ristorante ha infatti due celle frigorifere chiamate “cella negativa” in cui la temperatura va dai -23 ai -18° C e dove vengono conservati gli alimenti congelati, e “cella positiva” dove la temperatura varia da 1 a 4° C e dove vengono conservate le materie prime che non necessitano di essere congelate, come ad esempio i formaggi, le insalate, le verdure ecc.

Esiste infine il “magazzino” dove sono stoccati tutti quei materiali (come le salse o il packaging) che non necessitano di essere riposti in locali refrigerati.

I rifornimenti sono quasi giornalieri e per questo gli alimenti che vengono utilizzati sono sempre freschissimi.

Durante la visita siamo poi passati alla cucina, ovvero il cuore del McDonald’s; anche qui è forte la sensazione di essere in un posto avveniristico, dove tutto è perfettamente organizzato, dal display per visualizzare le ordinazioni, ai sistemi di cottura delle pietanze che rappresentano quanto di più tecnologico si possa immaginare.

Non vi parlerò adesso dell’assaggio, la cosa più sublime, ma vi parlerò di freddi numeri…Freddi finché non ci è stato spiegato dalla dirigenza di McDonald’s Italia, che oltre l’80% dei prodotti utilizzati da McDonald’s sono di provenienza italiana, dagli allevamenti (oltre 15.000) alla verdura, formaggi, caffè, dolci, ecc.

Questi “freddi” numeri scaldano invece il cuore, se si pensa che oltre 85.000 tonnellate annue di prodotti agroalimentari, per un valore di oltre 300 milioni di Euro contribuiscono a dare lavoro a tante piccole e medie imprese italiane creando occupazione e sviluppo.

Peraltro si tratta di lavoro di alta qualità visto che i protocolli di sicurezza che McDonald’s richiede ai propri fornitori, sono di gran lunga più rigidi rispetto alle attuali normative italiane.

Nei giorni precedenti l’evento, alcune colleghe hanno fatto anche visita ad aziende che forniscono la materia prima a McDonald’s ed hanno avuto la possibilità di parlare con i piccoli imprenditori che lavorano con passione ed amore per regalarci panini buonissimi e sani e di conoscere quanto impegno e dedizione mettono queste persone nel loro lavoro.

Altra cosa da sottolineare, è la completa tracciabilità di tutti i prodotti che McDonald’s utilizza per le proprie preparazioni, come ulteriore garanzia di qualità e di sicurezza. Tutto viene seguito dalla nascita fino alla tavola e ogni passaggio (di lavorazione, trasformazione o preparazione) è tracciato in modo preciso e puntuale.

In conclusione, sono stato felicissimo di questa esperienza. Da adesso, ogni volta che andrò a mangiare in un ristorante McDonald’s uscirò felice per almeno 3 motivi: primo perché ho gustato qualcosa di veramente prelibato, secondo perché ho la garanzia che quello che ho mangiato è stato fatto con cura e con prodotti di primissima qualità e terzo perché probabilmente un piccolo imprenditore ha potuto portare avanti la sua attività anche grazie a me…

Grazie McDonald’s per la bellissima esperienza!!!

In collaborazione con McDonald’s.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.