Spaghetti con polpette al sugo

Spaghetti con polpette al sugo

La ricetta degli spaghetti con polpette al sugo arriva direttamente dalla mia infanzia, quando papà a volte cucinava per noi in attesa del rientro della mamma dall’ufficio, raccontandoci di come Lilli e il Vagabondo  si erano innamorati davanti agli spaghetti con le polpatelle.


Un ricordo particolare di questo piatto è in montagna, in una giornata particolarmente uggiosa, quando l’intera famiglia è stata protagonista della creazione delle mitiche “polpatelle”: tutti intorno al tavolo, una manciatina ciascuno di carne trita aromatizzata e… via alla gara a chi faceva più polpettine!


Le polpette al sugo con gli spaghetti cotti al dente sono una vera golosità che, una volta finita, lascia al posto alla famosa “scarpetta”

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Porzioni4 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 300 gcarne trita (mista)
  • 1cipolla rossa (di Tropea)
  • 1 ciuffoprezzemolo
  • 1uovo
  • Sale
  • Pepe
  • pangrattato
  • 500 mlPassata di pomodoro
  • 7 foglieBasilico
  • Olio extravergine d’oliva
  • Grana Padano DOP (grattugiato)

Preparazione

  1. Preparare la carne trita mista, tritare mezza cipolla ed il prezzemolo.

  2. In una ciotola inserire trita, prezzemolo, cipolla, formaggio, un pizzico di sale, una macinata di pepe e l’uovo.

  3. Lavorare con le mani per miscelare bene gli ingredienti.

  4. Quindi aggiungere un pò di pangrattato per volta fino ad ottenere un impasto compatto.

  5. Formare le polpatelle grandi poco più di una noce e passarle nel pangrattato.

  6. Poi friggerle in olio extravergine d’oliva.

  7. Quando saranno dorate su tutti i lati trasferirle su carta assorbente e tenere da parte.

  8. Nello stesso olio inserire l’altra metà della cipolla tritata e soffriggerla.

  9. Unire la passata di pomodoro e cuocere per circa 20 minuti. Aggiustare di sale.

  10. Unire poi le polpatelle e continuare la cottura per altri 10 minuti.

  11. Terminare con qualche foglia di basilico fresco affettato sottile.

  12. A parte cuocere gli spaghetti al dente, farli saltare leggermente nel sughetto e servire subito.

  13. Sono certa che non solo i cuccioli si lasceranno scappare uno “Slurp”!

Note

Volendo, è possibile infarinare invece di impannare con il pangrattato le polpatelle. La differenza è che si corre il rischio che la farina possa attaccarsi al fondo della pentola mentre con il pangrattato questo non succede. Se, come me, siete dei pastaioli vi consiglio di dare un’occhiata qui 🙂 Se ti piacciono le mie ricette e vuoi seguire il mio blog vieni a trovarmi sulla mia fan page di Facebook     Basta cliccare “mi piace”, commentare o condividere e ogni giorno puoi essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate e puoi chiedermi qualunque chiarimento!

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.