AGLIO ORSINO – L’AGLIO SELVATICO

L’aglio orsino, la variante selvatica dell’aglio , fiori candidi lanceolati e fogliame largo e verdissimo dalla consistenza carnosa, , una pianta bulbosa erbacea perenne che deve il suo nome al caratteristico odore pungente che ricorda quello dell’aglio.

 L’aglio orsino è un potente antimicrobico, un antibatterico, un vermifugo ed un antimicotico.

Favorisce la diuresi ed è un buon alleato nella lotta al colesterolo, oltre ad avere un forte potere detossificante e disintossicante.

Alla spiccata azione antibiotica (molto più efficace rispetto a quella dell’aglio tradizionale) si accompagna la capacità, di abbassare il colesterolo cattivo presente nel sangue.

Svolge una potente azione purificante, antimicotica e antifungina e favorisce l’eliminazione dei metalli pesanti dall’organismo.

Ricco di  vitamine: A, B, C  sali minerali e simil-ormoni,un valido aiuto per l’intero organismo .

Inoltre l’aglio selvatico è in grado di regolarizzare il battito cardiaco, favorire il corretto funzionamento dei reni, prevenire la caduta dei capelli, lenire e depurare la pelle in profondità.

Aglio orsino: dove trovarlo

Cresce fino ai 1000 metri circa di altezza, con preferenza nelle aree boscose all’ombra degli alberi, ma spesso lo si trova anche in campagna.

Questa erba spontanea aromatica così gradevole all’aspetto – tanto da essere coltivata anche come pianta ornamentale in giardini ed aiuole .

Utilizzo aglio orsino

Si utilizza in erboristeria, in cosmesi per riequibrare pelli grassi ed acneiche soprattutto in maschere viso e in cucina : minestre, frittate , pasta e pesto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »