Pasta alla norma alla calabrese

La pasta alla norma alla calabrese, è una variante molto sfiziosa e audace della classica pasta alla norma. Il suo carattere dolce, dato dal caciocavallo silano, ma allo stesso tempo deciso, per via della presenza della ‘nduja, la rende il piatto perfetto per chi ama i gusti forti.

  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione35 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni2
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 250 gpasta corta
  • 500 mlsalsa di pomodoro fresco
  • 120 gcaciocavallo silano
  • 1melanzana piccola
  • 1spicchio d’aglio
  • 1cipolla piccola
  • 1cucchiaio di ‘nduja
  • 2cucchiai di formaggio grattugiato
  • 6foglie di basilico fresco
  • olio extravergine d’oliva
  • olio di semi di girasole
  • sale
  • macinato di pepe misto (pepe nero, bianco, verde, rosa)

Procedimento

Versare in una pentola un filo d’olio extravergine d’oliva e porre a soffriggere la cipolla tritata finché non diventerà leggermente dorata.

Aggiungere quindi, la salsa di pomodoro allungandola con un bicchiere d’acqua, salare, aggiungere le foglie di basilico (lasciarne qualcuna per la decorazione finale), una manciata di pepe misto e cuocere a fuoco basso, coprendo la pentola con un coperchio.

Nel frattempo prendete una padella e versate un filo d’olio di semi di girasole, aggiungete lo spicchio d’aglio intero e affettate quindi la melanzana creando dei dischetti di pochi millimetri che disporrete nella padella quando l’olio sarà caldo.

Salate leggermente e lasciate friggere i dischetti finché non diventeranno dorati, poi trasferiteli su un piatto alternandoli alla carta assorbente in modo da eliminare l’olio in eccesso.

Intanto che metterete a cuocere la pasta al dente in abbondante acqua salata bollente, spegnete la pentola con la salsa di pomodoro, aggiungete la ‘nduja e mescolate la salsa finché quest’ultima non si sarà sciolta.

Infine trasferire nel condimento una parte dei dischetti (lasciatene qualcuno per la decorazione del piatto).

Quando la pasta sarà cotta versatela in un scolapasta e subito dopo nella pentola della salsa, aggiungendo il caciocavallo grattugiato, una manciata di pepe misto, il formaggio grattugiato e mescolando velocemente.

Impiattare decorando con i dischetti di melanzane e le foglie di basilico messe da parte in precedenza.

Accorgimenti & consigli

Mantenete l’olio sempre ad una temperatura tale da non fargli raggiungere il punto di fumo quando friggete, oltre ad essere dannoso per la salute modificherebbe in negativo anche il gusto delle melanzane.

Non soffriggete mai la ‘nduja, non è salutare e rischiate di modificare il sapore.

Se temete che la melanzana possa essere amarognola, prima di cuocerli, salate i dischetti di melanzane e lasciateli a riposo per 10-15 minuti in modo che perdano la loro acqua di vegetazione, poi sciacquateli e asciugateli bene con la carta assorbente prima di friggerli.

Se temete di non riuscire ad impiattare velocemente, potete decidere di condire la pasta solo con la salsa e aggiungere il caciocavallo grattugiato, il pepe misto e il formaggio grattugiato con i dischetti di melanzane e le foglie di basilico direttamente sui piatti di portata.

Tradizionalmente…

Ricordiamo che la tradizione vuole la pasta alla norma con le scaglie di ricotta salata al posto del caciocavallo e senza ‘nduja.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.