Vov di casa mia

vov di casa mia

Il vov è un liquore di origine veneta a base di uova, ideato nel 1845 da Gian Battista Pezziol pasticcere di Padova specializzato nella produzione del torrone. Pezziol ebbe l’intuizione d’usare i tuorli d’avanzo, in unione a vino marsala, alcol e zucchero, per avviare la produzione di uno zabaione liquoroso. Il prodotto fu inizialmente posto in commercio con il nome di Vovi (uova in dialetto veneto); in seguito, quando il prodotto iniziò a varcare i confini regionali, il nome fu mutato in Vov.
Il vov di casa mia lo realizzo spesso nel periodo natalizio e lo offro anche ai miei ospiti come fine pasto, accompagnato a diversi dolci tipici di questo periodo dell’anno. Prepariamo insieme questa bevanda!

Ti potrebbe interessare anche

  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Porzioni750 ml circa di vov
  • Metodo di cotturaSenza cottura
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàAutunno, Inverno

Ingredienti

450 ml latte di vacca, pastorizzato, intero
4 tuorli
350 g zucchero
100 ml marsala
100 g alcol puro (95 gradi)
1 vaniglia (stecca)

114,44 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 114,44 (Kcal)
  • Carboidrati 20,52 (g) di cui Zuccheri 20,52 (g)
  • Proteine 1,16 (g)
  • Grassi 1,59 (g) di cui saturi 0,85 (g)di cui insaturi 0,74 (g)
  • Fibre 0,00 (g)
  • Sodio 12,49 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 37 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Preparazione

1) iniziate la preparazione del vov di casa mia mettendo a scaldare in una casseruola antiaderente il latte con i semi della stecca di vaniglia e lo zucchero. Girate con un mestolo di legno e lasciatelo raffreddare completamente;

2) nel frattempo sbattete i rossi con una forchetta e con un contagocce aggiungete poco alla volta l’alcol, continuando a mescolare con una forchetta;

3) una volta finito l’alcol aggiungete il marsala sempre con un contagocce;

4) ora aggiungete il latte e mescolate bene;

5) con l’ausilio di un piccolo mestolo prendete un po’ di vov e filtratelo con un panno di stoffa e ponetelo in una bottiglia in vetro.

Consiglio

Suggerisco di consumarlo entro un paio di settimane dalla sua realizzazione.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *