Crea sito
Piatti Unici e verdure,  Primi piatti

Casonsei di patate e burrata con vellutata allo zafferano.

Eccovi il secondo piatto che ho realizzato in questo fine settimana. Come tutte le mie ricette anche questa volta mi sono ispirato ad un piatto che ho assaggiato a Milano e che mi ha ispirato da subito, di certo ho rielaborato la ricetta a  modo mio cercando di renderla abbastanza originale e di legarla anche ad un piatto tipico del luogo, il mitico risotto alla milanese. Per dirvi la verità i due risotti alla milanese che ho mangiato a Milano mi hanno molto deluso, così come l’ossobuco con gremolata. Qualcuno mi dice che son diventato troppo esigente percio’ un po’ rompiscatole,  ma credetemi in un locale che si fregiava di avere due gamberi della guida gambero rosso e tanti  riconoscimenti e tanto di storia e tanto di tanto…mi hanno servito un risotto assemblato costituito da riso arborio lesso poi condito con una salsa allo zafferano a base mascarpone. Voi come lo definireste? Per non parlare dei costi!!Una cosa indicibile…pero’ io sono dell’avviso che se a fronte di una spesa si resta poi soddisfatti diciamo che almeno si riesce a giustificare il tutto, ma se succede il contrario ? Comunque la cosa che mi rattrista  è che se continuiamo così perderemo non solo l’originalità di certi piatti ma anche il nostro patrimonio enogastronomico, la nostra tradizione.Invece l’ossobuco con gremolata non era altro che ossobuco stufato al forno, di gremolata non c’era neanche l’ombra. Non so dove questi chef abbiamo studiato o imparato certe nefandezze, ma a mio avviso sono improponibili.Comunque se fossi io l’ispettore di gambero rosso neanche mezzo gambero darei a certi ristoranti. Dopo un paio di fregature veniamo invece ai casonsei alle patate , mi son piaciuti perchè ben realizzati e poi la salsa al bitto era veramente molto gustosa,  infatti appena tornato a casa ho voluto realizzare una versione mia,  pensando e ripensando a quel risotto alla milanese che mi è rimasto in gola! Comunque cercasi volontario che abbia voglia di preparare un bel risotto alla milanese (quello vero) con tanto di ossobuco , mi raccomando non fate scherzi! E’ sottinteso che mi invitate a mangiarlo!
Per il momento gustatevi questi casonsei o casoncelli o mezzelune con questa vellutata allo zafferano.

Casonsei di  patate e burrata con vellutata allo zafferano.
Ingredienti per 6 persone
Pasta all’uovo per circa 40 casonsei
  • 250 g di semola rimacinata di grano duro(io ho usato Granoro)
  • 2 uova
  • poca acqua se occorre
Ripieno
  • 200 g di patate lesse
  • 200 g di burrata di Andria
  • 1 cucchiaio di parmigiano reggiano
  • sale
  • pepe
  • noce moscata
Per la vellutata allo zafferano
  • Una noce di burro
  • 1 cucchiaio scarso di farina
  • 300 ml di latte
  • pepe creola
  • sale
  • mezza bustina di zafferano
  • 1 cucchiaio di robiola
  • burro fuso alla salvia (una
    noce di burro e 3-4 foglie di salvia)
Preparazione
Versare nella ciotola
dell’impastatrice la semola rimacinata precedentemente setacciata, le 2 uova e
poi lavorare il tutto a media velocità fino a quando non si forma un impasto
liscio ed omogeneo. Se notate che tende a sbriciolarsi oppure è troppo
consistente , aggiungete un po’ di acqua. Fate riposare l’impasto per circa 20
minuti coperto da un telo. Successivamente tirare una sfoglia sottilissima con
l’ausilio di una sfogliatrice. Riporre su di una superficie infarinata le
sfoglie e coprirle con un telo per evitare e che si asciughino.
Per il ripieno: lessare in
abbondante acqua salata le patate e poi togliere la pelle . Schiacciarle con
una forchetta. Frullare la burrata con un goccio di olio extravergine ed
amalgamarla alle patate. Aggiungere un pizzico di sale, un po’ di pepe creola
ed un pizzico di noce moscata. Amalgamare il tutto e riporre in frigo. Versare
il ripieno in una sac a poche, con un coppa pasta di dimetro 8-9 cm circa tagliare
40 dischetti di sfoglia, disporre  una
noce di farcia (8-10 g) al centro di ogni dischetto, bagnare i bordi con un po’
di acqua e poi richiudere unendo le due metà del dischetto. Sigillare per bene
facendo pressione ai bordi e poi con una rotella dentellata rifinire i bordi.
Riporre i casonsei su di un vassoio leggermente infarinato per evitare che si
attacchino. Se non si consumano subito conviene conservarli in frigo coperti o
in un contenitore capiente.
Per la vellutata bisogna
sciogliere il burro in un pentolino poi bisogna aggiungere la farina e
mescolare formando un roux. Aggiungere il latte caldo e continuare mescolare
fino a quando non raggiunge la consistenza desiderata. Togliere dal fuoco ed
aggiungere un pizzico di sale, un po’ di pepe creola, lo zafferano sciolto in
pochissimo latte caldo e un cucchiaio di robiola. Mescolare il tutto e
mantenere in caldo.Deve rimanere molto fluida.
Per il piatto finito:
cuocere in abbondante acqua salata i casonsei 
per circa 6-7 minuti, scolarli e riporre nei piatti (5-6 casonsei per
piatto) che poi vanno coperti al lato con la vellutata allo zafferano. Potremmo
anche servirli , nappando il piatto con la velutata allo zafferano e poi
mettendoci sopra i casonsei . Decoriamo con foglioline di salvia e alcune  gocce di burro fuso alla salvia.

Anche se in ritardo, con questa ricetta partecipo al secondo blog compleanno di ” La casa di Artù”, ovviamente io porto questo bel primo piatto!!

 

Print Friendly, PDF & Email

0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.