Crea sito

Polpettine di pesce

Le polpettine di pesce sono un’idea nata come riciclo del pesce utilizzato per preparare il fumetto che ho utilizzato per preparare il cous cous alla curcuma con gamberi e verdure

Anche se è un’idea di riciclo, vi garantisco che le preparerò ancora e ancora perché sono veramente buone e non serve aspettare il prossimo fumetto per prepararle.

Sono veloci da preparare e possono essere più o meno economiche in base al tipo di pesce che deciderete di utilizzare.

Le polpettine di pesce hanno un solo difetto: creano dipendenza perché una tira l’altra.

Sono una valida soluzione come antipasto o secondo piatto. Possono arricchire i vostri buffet e possono essere servite sul un cucchiaino come finger food.

Provatele e non le lascerete più 😉

Nella ricetta che segue, illustrerò tutti i procedimenti dall’inizio alla fine così che anche se non avete preparato o letto la ricetta del cous cous, non avrete problemi a preparare queste sfiziosissime polpettine di pesce.

polpettine di pesce
  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: 35 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 30 pezzi
  • Costo: Molto economico

Ingredienti

  • acqua 1 l
  • Filetto di merluzzo (o altro filetto di pesce) 500 g
  • Pane raffermo 200 g
  • Parmigiano reggiano 20 g
  • Uova 2
  • Aglio 1 spicchio
  • Prezzemolo 1 mazzetto
  • Aneto 1 mazzetto
  • Pangrattato q.b.
  • Olio di semi di arachide (o altro olio per friggere) q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Per servirle

  • Salsa di soia q.b.

Preparazione

  1. Per preparare le polpettine di pesce, iniziamo con il lessare il filetto di pesce che abbiamo scelto di utilizzare.

    Vi ricordo che in base al tipo di pesce che deciderete di utilizzare, le polpettine saranno più o meno costose ma comunque buonissime.

    Verificate che non ci siano delle lische e nel caso le troviate, abbiate cura di toglierle.

  2. In una pentola mettiamo l’acqua, il pesce, l’aglio e il prezzemolo.

    Lasciamo cuocere per circa 15 minuti da quando l’acqua avrà raggiunto il bollore.

  3. In una ciotola prepariamo il pane raffermo che bagneremo con un mestolo del fumetto di pesce.

    Non dobbiamo mettere troppo fumetto perché la funzione del pane è quella di asciugare l’acqua in eccesso del pesce e rendere il nostro composto sodo.

    Se lo bagnassimo troppo, avremmo l’effetto contrario cioè il pane rilascerà liquido nel nostro impasto con la conseguenza che non potremmo fare le polpettine.

  4. Una volta pronto il pesce, verifichiamo ancora una volta che non vi siano lische e mettiamolo in un bicchiere del mix insieme al prezzemo e all’aglio che abbiamo utilizzato nel fumetto.

    Aggiungiamo anche il pane raffermo ben strizzato, le uova e il parmigiano reggiano e l’aneto.

  5. Trasferiamo il composto in una ciotola e saliamo e pepiamo.

    Impastiamo bene e lasciamo riposare per circa 10/15 minuti.

  6. Se il composto è un po’ molle perché non avete strizzato bene il pane o il pesce, aggiustate la consistenza aggiungendo poco pangrattato.

  7. Trascorso il tempo di riposo, formiamo delle polpettine con l’impasto.

    Passiamole nel pangrattato per dare maggiore croccantezza e friggiamo in abbondante olio caldo.

  8. Lasciamo asciugare le nostre polpettine di pesce su carta assorbente e serviamole ben calde accompagnate con della salsa di soia o cosparse con un po’ di succo di limone.

  9. Le polpettine di pesce possono essere servite anche fredde in un buffet o come finger food. In questo caso non bagnate né con la soia né con il succo di limone perché rovinerebbero la croccantezza della nostra frittura.

Consigli

  • Potete congelare l’impasto delle polpettine di pesce a patto che il pesce utilizzato sia fresco e non decongelato. Friggete le polpettine al momento del bisogno.
  • Potete utilizzare il fumetto ricavato preparando il cous cous alla curcuma con gamberi e verdure

Se avete domande o consigli, lasciatemi un commento, sarò felice di rispondervi

Se le mie ricette vi piacciono, seguitemi sulla pagina Facebook per non perdere le prossime novità.

Potrebbero interessarti anche queste riette

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.