Crea sito

Zucca, radicchio, Peperoncino Erotico, chenelle di Piacentinu, ricotta e pane atturrato

Zucca, radicchio, Peperoncino Erotico, chenelle di Piacentinu, ricotta e pane atturrato

Zucca, radicchio, Peperoncino Erotico, chenelle di Piacentinu, ricotta e pane atturrato
Zucca, radicchio, Peperoncino Erotico, chenelle di Piacentinu, ricotta e pane atturrato

Due settimane fa Livorno è stata ferita da una bomba d’acqua, oltre a tante famiglie, che hanno avuto danni, si sono avute perdite di vite umane.
Ma come succede, per fortuna, in questi casi tantissime persone si sono date da fare per dare una mano.
La famiglia Rustici ha avuto il campo devastato, si sono salvate le zucche, grazie ai volontari queste zucche sono state raccolte e tanti livornesi le hanno comprate, dando una mano. Sui Social la campagna e stata pubblicizzata con l’hashtag #lazuccadifede. Una l’ho comprata anche io, grazie a Valentina che ha fatto da tramite, e fisicamente l’ha portata dal campo a Livorno.
In Sicilia c’è un proverbio che dice ”  Misturi metticcinni ‘na visazza, consila comu vò sempri è cucuzza! “ tradotto alla lettera significa, spezie ne puoi mettere una bisaccia, la puoi condire come vuoi sempre zucca rimane. Io invece ho deciso di creare una ricetta con questa zucca, che sia saporita, gustosa ed equilibrata.
La zucca e buonissima e molto dolce, per renderla gradevole, ho deciso di accompagnarla con qualcosa di amarognolo e qualcosa di piccate.

Ingrediente per 4 persone

1kg di zucca
400 gr di radicchio
2 peperoncini Erotico, se nolo trovate usate un altro peperoncino mediamente iccante.
200 gr di formaggio piacentinu Siciliano
200 gr di ricotta di pecora, fresca e asciutta
100 gr di pangrattato
20 gr di zenzero pulito
1 limone biologico, ci servirà la buccia
1 bianco d’uovo
Qualche foglia di menta
Sale q.b.
Pepe q.b.
Olio EVO q.b.

Preparazione

Iniziamo a preparare i semi perché della zucca.

Pulite accuratamente i semi, rimuovendo la polpa e i filamenti che vi sono rimasti attaccati, quindi lavateli e lasciateli scolare per un po’, in seguito, disponeteli su alcuni tovaglioli di carta su una teglia da forno e lasciate che asciughino, per qualche ora.
in una ciotola mettete un bianco d’uovo e un cucchiaino di sale, mescolate bene, aggiungete i semi e mescolate. Deponete i semi in una teglia, unta con pochissimo Olio EVO e cuocete in forno preriscaldato a 150°, per 45/50. Ricordatevi di girarli ogni 15 minuti, in modo da farli tostare su entrambi i lati. Quando si saranno raffreddati, pulitene una ventina in modo da lasciare, solo il seme.
Tagliate la polpa della zucca a fette di circa 1 cm, deponeteli in modo ordinato in una teglia, (lasciatene fuori una fetta, la useremo per friggerla), foderata di carta forno, salate e pepate, sopra tagliuzzate i peperoncini erotico, continuate tagliando grossolanamente, dopo averlo lavato, il radicchio, salate e in forno per circa 30 minuti a 180°.
Passiamo a fare le chenelle di Piacentinu e ricotta ricoperte di pane atturrato
Iniziamo preparando il pane atturrato, abbrustolito, in una padella mettete un cucchiaio d’olio evo, aggiungete il pangrattato e girando fate tostare, dopo un paio di minuti mettete la buccia di un limone e il pezzo di ginger grattati con una Microplane, fate abbrustolire stando attenti a non farlo bruciare.
Prendete un setaccio fine e passate la ricotta due volte, avrete una crema “setosa”, adatta per mille preparazioni, dolci e salate.
Grattugiate il piacentinu, con una Microplane, o similare e mettete da parte.
Mescolate il piacentinu grattugiato, con la ricotta, mescolate energicamente, a questo punto, ammorbidite il composto con 1-2 cucchiaini di Olio EVO.
Non dovrebbe servire sale e nemmeno pepe, il piacentinu ne contiene già abbastanza.
Aggiungete i semi di zucca, aiutandovi con due cucchiai create le chenelle, appena avranno l forma a gianduiotto passateli nel pane atturrato e mettete da parte
A questo punto le verdure saranno cotte, mettete una parte della zucca e le altre verdure in un frullatore e create una crema.
La fetta che avete lasciato da parte, tagliatela a fettine fini, e friggetela in padella con un cucchiaio di olio Evo uno spicchio d’aglio e un rametto di rosmarino.
Spezzate finemente delle foglioline di menta, aggiungetele alla crema di zucca e amalgamate.
Deponete qualche cucchiaio di crema sul fondo del piatto, appiattite il tutto, con qualche colpetto sul fondo del piatto, create una base mettendo, due pezzetti, di zucca al forno, sopra poggerete le chenelle e sopra ancora le fettine di zucca fritta, guarnite con qualche fiore di menta.

Buon appetito

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://plus.google.com/u/0/
https://twitter.com/@calorifi
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici

lazuccadifede .
lazuccadifede .
Zucca
Zucca
Zucca in teglia
Zucca in teglia
Zucca e Radicchio
Zucca e Radicchio
Zucca Fritta
Zucca Fritta
Crema di Ricotta
Crema di Ricotta
Piacentinu Grattugiato
Piacentinu Grattugiato
chenelle
chenelle

 

 

Pubblicato da peperonciniedintorni

Calogero Rifici nato a Mirto (ME) nel lontano 13 aprile 1958, sono Perito Meccanico e studio cucina, fotografia, elettronica, informatica, ec, ec. Nel 1982 mi sono trasferito a Firenze, per lavorare nel primo impianto di smistamento d’Italia, nel 1984 mi sono sposato con Marina e ci siamo trasferiti a Livorno, sul mare, perché ci nasce sul mare difficilmente ci rinuncia. Per circa 6 anni ho insegnato Office automation in una scuola superiore, ho tenuto diversi corsi di informatica in diverse aziende. Per tanti Anni ho lavorato come specialista infrastrutture per una grande azienda di servizi, mi occupo di sicurezza. Dal gennaio 2019 sono libero professionista, nel campo enogastronomico Dal 2002 sono membro dell’accademia del peperoncino, dal 2008 sono Sommelier Fisar delegazione Livorno. Da 2013 ho un blog, www.peperonciniedintorni.it dove pubblico notizie enogastronomiche e ricette. Quando nelle ricette uso ingredienti particolari, prima spiego gli ingredienti che uso e poi illustro le ricette. Le mie ricette sono o tradizionali o di mia creazione, cerco di valorizzare i prodotti che uso. Faccio parte della delegazione Slow Food di Livorno, e cerchiamo di far conoscere la natura, specialmente ai bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.