Torre dell’Orologio di barracuda e chicchi di moscato giallo Fior d’arancio

Torre dell’Orologio di barracuda e chicchi di moscato giallo Fior d’arancio

Torre dell'Orologio di barracuda e chicchi di moscato giallo Fior d'arancio
Torre dell’Orologio di barracuda e chicchi di moscato giallo Fior d’arancio

Torre dell’Orologio di barracuda e chicchi di moscato giallo Fior d’arancio, Claudia Baldin, una Local, come si chiamano ora le guide turistiche, ci ha fatto visitare diversi posti caratteristici di Padova dopo il Caffè Pedrocchi e il mercato di food più antico d’Europa, ci ha fatto visitare la torre dell’Orologio, un edificio di origine medievale che si affaccia su Piazza dei Signori, forse perché gli orologi mi sono sempre piaciuti, l’ho segnata fra le cose da studiare.
Poi mentre tornavo a Livorno ricevo una chiamata, grazie al Bluetooth posso rispondere in tutta sicurezza, ciao sono Francesco, un mio amico che pesca e vende il pescato al mercato, venerdì ho pescato alcuni barracuda europei, siccome avevi detto che li volevi provare li ho abbattuti, li vuoi o li consumo io? Domattina li vengo a prendere di corsa grazie mille.
Visto che erano abbattuti ne ho preparato una versione con il pesce crudo.

Ingredienti per 4 persone

Ingrediente per la salsa di accompagnamento

  • 6 cucchiai di colatura di alici di Cetara
  • 1 limone bio
  • Olio EVO q.b.

Preparazione salsa di accompagnamento

Prepariamo la salsa di accompagnamento, dopo alcune prove, le proporzioni più equilibrate sono, 6 cucchiai di colatura di alici di Cetara, 3 cucchiai di succo di limone, 1 cucchiaio di olio EVO, mescolate per amalgamare il tutto.

Preparazione

Tagliate a fettine il filetto di barracuda, man mano che tagliate le fettine disponeteli nel piatto, tagliate il peperoncino di 7 anni a fettine, sora create le lancette con il peperoncino rosso, intorno alle fettine mettete dei chicchi d’uva tagliati a metà e privati dei semi.

Torre dell'Orologio di barracuda e chicchi di moscato giallo Fior d'arancio
Torre dell’Orologio di barracuda e chicchi di moscato giallo Fior d’arancio

A questo punto il piatto è pronto lo potete consumare o prendendo le fettine di barracuda e intingendola nella salsina di accompagnamento, oppure versate la salsina direttamente nel piatto, fate come credete, il risultato è un piatto saporito salutare e dai contrasti sfiziosi.

Buon appetito

Se volete preparare delle ricette con pesce non perfettamente cotto, qui potete vedere cosa con viene fare per evitare problemi.
https://blog.giallozafferano.it/peperonciniedintorni/anisakis/
calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://twitter.com/@calorifi
https://www.pinterest.it/calorifi/
https://www.instagram.com/calorifi/
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici https://www.youtube.com/user/calorifi1/

Pubblicato da peperonciniedintorni

Calogero Rifici nato a Mirto (ME) nel lontano 13 aprile 1958, sono Perito Meccanico e studio cucina, fotografia, elettronica, informatica, ec, ec. Nel 1982 mi sono trasferito a Firenze, per lavorare nel primo impianto di smistamento d’Italia, nel 1984 mi sono sposato con Marina e ci siamo trasferiti a Livorno, sul mare, perché ci nasce sul mare difficilmente ci rinuncia. Per circa 6 anni ho insegnato Office automation in una scuola superiore, ho tenuto diversi corsi di informatica in diverse aziende. Per tanti Anni ho lavorato come specialista infrastrutture per una grande azienda di servizi, mi occupo di sicurezza. Dal gennaio 2019 sono libero professionista, nel campo enogastronomico Dal 2002 sono membro dell’accademia del peperoncino, dal 2008 sono Sommelier Fisar delegazione Livorno. Da 2013 ho un blog, www.peperonciniedintorni.it dove pubblico notizie enogastronomiche e ricette. Quando nelle ricette uso ingredienti particolari, prima spiego gli ingredienti che uso e poi illustro le ricette. Le mie ricette sono o tradizionali o di mia creazione, cerco di valorizzare i prodotti che uso. Faccio parte della delegazione Slow Food di Livorno, e cerchiamo di far conoscere la natura, specialmente ai bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.