Spratti marinati all’Habanero Fatalii con limone e origano

Spratti marinati all’Habanero Fatalii con limone e origano

Spratti marinati all’Habanero Fatalii con limone e origano
Spratti marinati all’Habanero Fatalii con limone e origano

Spratti marinati all’Habanero Fatalii con limone e origano, qualche tempo fa ho avuto modo di vedere un filmato, che mostra gli effetti della pesca indiscriminata, non è nuovo ma mi ha colpito molto il fatto che buona parte del pescato viene buttato, perché non si vende.
Nel mio piccolo cercherò di migliorare la situazione, proponendo alcune ricette con i pesci che normalmente si buttano.
Oggi vi presento una ricetta con lo Spratto o Papalina qui potete leggere del pesce.

Ingredienti

  • 1 kg di Spratti o Papalina
  • 8 fette di pane ai cereali
  • 1 limone bio
  • 2 tazzina di sale
  • 1 tazzina di zucchero semolato
  • 4 tazzine di aceto
  • 8 tazzine di vino bianco secco
  • 1 Habanero io ho utilizzato un Orange
  • Qualche rametto di origano secco
  • Olio EVO q.b.
  • 1 limone della costiera biologico
  • Qualche fogliolina di Menta fresca

Preparazione

Pulite gli spratti eliminando testa e interiora, sciacquate possibilmente in acqua di mare, disponete i pesci a strati, in un contenitore, sopra ogni strato dell’origano secco e pochi filetti di Habanero io ho utilizzato un Orange.
Scaldate l’aceto scioglietevi il sale e lo zucchero, fate intiepidire, aggiungete il vino bianco, mescolate e versate sopra i pesci.
Conservate il contenitore al fresco per un paio di giorni, dopo i pesci saranno pronti. Si conservano in frigo per un paio di settimane.

Tostate il pane in forno per circa 10 minuti a 150 gradi, mentre il pane cuoce tagliate il limone a fettine fini, condite con sale, olio e qualche goccia di aceto.
Sopra ogni fetta di pane mettete due fettine di limone condito, sopra deponete 4 spratti, un filo d’olio e una spolverata di origano.

Buon appetito

Se volete preparare delle ricette con pesce non perfettamente cotto, qui potete vedere cosa con viene fare per evitare problemi.

https://blog.giallozafferano.it/peperonciniedintorni/anisakis/

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://twitter.com/@calorifi
https://www.pinterest.it/calorifi/
https://www.instagram.com/calorifi/
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici https://www.youtube.com/user/calorifi1/

Pubblicato da peperonciniedintorni

Calogero Rifici nato a Mirto (ME) nel lontano 13 aprile 1958, sono Perito Meccanico e studio cucina, fotografia, elettronica, informatica, ec, ec. Nel 1982 mi sono trasferito a Firenze, per lavorare nel primo impianto di smistamento d’Italia, nel 1984 mi sono sposato con Marina e ci siamo trasferiti a Livorno, sul mare, perché ci nasce sul mare difficilmente ci rinuncia. Per circa 6 anni ho insegnato Office automation in una scuola superiore, ho tenuto diversi corsi di informatica in diverse aziende. Per tanti Anni ho lavorato come specialista infrastrutture per una grande azienda di servizi, mi occupo di sicurezza. Dal gennaio 2019 sono libero professionista, nel campo enogastronomico Dal 2002 sono membro dell’accademia del peperoncino, dal 2008 sono Sommelier Fisar delegazione Livorno. Da 2013 ho un blog, www.peperonciniedintorni.it dove pubblico notizie enogastronomiche e ricette. Quando nelle ricette uso ingredienti particolari, prima spiego gli ingredienti che uso e poi illustro le ricette. Le mie ricette sono o tradizionali o di mia creazione, cerco di valorizzare i prodotti che uso. Faccio parte della delegazione Slow Food di Livorno, e cerchiamo di far conoscere la natura, specialmente ai bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.