Crea sito

Sgombro, Pesche, olive al Forno e Habanero Madame Jeanette

Sgombro, Pesche, olive al Forno e Habanero Madame Jeanette

Sgombro, Pesche, olive al Forno e Habanero Madame Jeanette
Sgombro, Pesche, olive al Forno e Habanero Madame Jeanette

Sgombro, Pesche, olive al Forno e Habanero Madame Jeanette un piatto per festeggiare gli azzurri sia del calcio che del tennis, veramente tutti bravissimi, ho utilizzato lo sgombro perchè è un pesce che vive in gruppo come hanno fatto gli azzurri, un gruppo.

Lo sgombro, conosciuto anche come maccarello o lacerto, vive in branchi ed è diffuso in tutto il Mediterraneo, nel Mare del Nord e nell’Atlantico settentrionale.
Rimane gregario anche in età adulta e ha attitudine pelagica.
Dal punto di vista nutrizionale, lo sgombro è un alimento a dir poco eccezionale. Come tutte le altre specie appartenenti alla famiglia del pesce azzurro, anche lo sgombro è particolarmente ricco di acidi grassi polinsaturi omega 3, in particolare di acido eicosapentaenoico (EPA) e docosaesaenoico (DHA).
Oltre a proteggere dalle malattie cardiovascolari, l’abbondante presenza di grassi “buoni” conferisce alle carni un sapore caratteristico, deciso e gustoso. Lo sgombro è anche ricco di proteine facilmente digeribili e ha un apporto calorico modesto. Non deludono le concentrazioni di minerali e vitamine.
Lo sgombro viene commercializzato fresco, surgelato o lavorato e inscatolato. Essendo particolarmente diffuso nei nostri mari ha un prezzo contenuto.
l’Habanero Madame Jeanette maturi hanno un bel colore Giallo, sono molto grandi e asimmetrici. Sono originari del Suriname, infatti questo peperoncino viene chiamato anche “Suriname giallo”. Spesso questo peperoncino viene confuso con altri peperoncini ma si riconosce dalla forma e dall’intenso profumo che emana.

Ingrediente per 4 persone

Preparazione

Ho deciso di abbinare le olive nere e il peperoncino Scotch Bonnet, a questa ricetta, per equilibrare il sapore, in quanto sia lo sgombro sia la pesca hanno una tendenza dolce, per evitare che il piatto “stucchi” ho aggiunto del piccante di qualità e dell’amaro dato dalle olive a forno.
Pulite lo sgombro, dopo aver separato i filetti. aiutandovi con il dorso del manico di una forchetta fate alzare le lische centrali e con una pinzetta eliminatele, salate i filetti.
Tagliate ½ peperoncino eliminate i semi, in una ciotola mettete il succo di ½ limone e la stessa quantità di olio, aggiungete il peperoncino amalgamate bene, aggiungete le foglioline del timo, fate riposare per 5 minuti.
Deponete i filetti con la pelle in basso in una teglia foderata di carta forno, aggiungete la pesca tagliata a fettine, e le olive che avete privato del nocciolo, irrorate con il liquido di marinatura.
Infornate a 180 gradi, per circa 15 minuti, servite decorando con qualche fogliolina di timo fresco.

Buon appetito

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://twitter.com/@calorifi
https://www.pinterest.it/calorifi/
https://www.instagram.com/calorifi/
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici

https://www.youtube.com/user/calorifi1/

 

 

Pubblicato da peperonciniedintorni

Calogero Rifici nato a Mirto (ME) nel lontano 13 aprile 1958, sono Perito Meccanico e studio cucina, fotografia, elettronica, informatica, ec, ec. Nel 1982 mi sono trasferito a Firenze, per lavorare nel primo impianto di smistamento d’Italia, nel 1984 mi sono sposato con Marina e ci siamo trasferiti a Livorno, sul mare, perché ci nasce sul mare difficilmente ci rinuncia. Per circa 6 anni ho insegnato Office automation in una scuola superiore, ho tenuto diversi corsi di informatica in diverse aziende. Per tanti Anni ho lavorato come specialista infrastrutture per una grande azienda di servizi, mi occupo di sicurezza. Dal gennaio 2019 sono libero professionista, nel campo enogastronomico Dal 2002 sono membro dell’accademia del peperoncino, dal 2008 sono Sommelier Fisar delegazione Livorno. Da 2013 ho un blog, www.peperonciniedintorni.it dove pubblico notizie enogastronomiche e ricette. Quando nelle ricette uso ingredienti particolari, prima spiego gli ingredienti che uso e poi illustro le ricette. Le mie ricette sono o tradizionali o di mia creazione, cerco di valorizzare i prodotti che uso. Faccio parte della delegazione Slow Food di Livorno, e cerchiamo di far conoscere la natura, specialmente ai bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.