Risotto gamberi e limone di Chef Cannavacciuolo

Risotto gamberi e limone di Chef Cannavacciuolo

Risotto gamberi e limone di Chef Cannavacciuolo
Risotto gamberi e limone di Chef Cannavacciuolo

Il 10 agosto oltre ad essere l’onomastico del mio papà è anche la giornata delle stelle, ci sono quelle cadenti e quelle che splendono in cucina, io da quache anno ho deciso di omaggiare i grandi chef riproponendo una loro ricetta, qui quelle pubblicate gli scorsi anni:

Red Notice e le uova di Cleopatra chef PINO CUTTAIA

Chips croccante di riso con Gorgonzola e sedano

Parmigiana di pesce bandiera, la ricetta di Gennaro Esposito

Mentre guardavo la trasmissione Antonino Chef Academy mi ha colpito questa ricetta dello chef Partenopeo, mi intrigava il contrasto fra il gambero crudo e il risotto interno.

Allora ho deciso di provare a replicarla. A questo link potete vedere la ricetta preparata dallo chef.

Ingredienti per 4 persone

  • 500 g di succo di limone
  • 300 g di gamberi di Mazzara puliti
  • 240 g di carnaroli riserva san massimo
  • 200 g di fumetto di pesce bianco
  • 200 g di bisque di gamberi di Mazzara
  • 50 g di burro freddo
  • prezzemolo tagliato finissimo
  • Fiori eduli e erbe aromatiche per guarnire
  • Olio evo all’aglio
  • Farina di teste di gambero e riso
  • Polvere di basilico e nero di seppia
  • Pepe q.b.
  • Olio EVO q.b.

Preparazione

Pulite le teste dei gamberi, poi in forno a vapore a 90 gradi per 15 minuti poi cambiate la carta e cuocete 110 gradi per 15 minuti, poi friggeteli in olio.
Deponete il corpo dei gamberi fra due strati di pellicola e con l’aiuto di un batticarne create il carpaccio, poi inserite il carpaccio in una coppetta di alluminio.

Risotto gamberi e limone di Chef Cannavacciuolo Preparazione
Risotto gamberi e limone di Chef Cannavacciuolo Preparazione

Fate ridurre 500 g di succo di limone fino a farli diventare 150 g, fate raffreddare poi montate con dell’olio evo per creare la salsa di base.
Tostate il riso a secco iniziate a cuocere con il fumetto bianco e a seguire con la bisque, appena cotto fate riposare un attimo, poi mantecate con il burro, dell’olio evo all’aglio e una spolverata di prezzemolo tagliato finissimo.
Riempite le coppette con il risotto, rivoltate le estremità a creare uno scrigno, impiattate mettendo alla base la salsa al limone poi lo scrigno di gamberi ripieno di risotto, sopra la testa del gambero fritta, guarnite con della farina di teste di gambero e riso, della polvere di basilico e nero di seppia, erbe aromatiche e fiori eduli.

Buon appetito

Se volete preparare delle ricette con pesce non perfettamente cotto, qui potete vedere cosa con viene fare per evitare problemi.
https://blog.giallozafferano.it/peperonciniedintorni/anisakis/
calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://twitter.com/@calorifi
https://www.pinterest.it/calorifi/
https://www.instagram.com/calorifi/
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici https://www.youtube.com/user/calorifi1/

Pubblicato da peperonciniedintorni

Calogero Rifici nato a Mirto (ME) nel lontano 13 aprile 1958, sono Perito Meccanico e studio cucina, fotografia, elettronica, informatica, ec, ec. Nel 1982 mi sono trasferito a Firenze, per lavorare nel primo impianto di smistamento d’Italia, nel 1984 mi sono sposato con Marina e ci siamo trasferiti a Livorno, sul mare, perché ci nasce sul mare difficilmente ci rinuncia. Per circa 6 anni ho insegnato Office automation in una scuola superiore, ho tenuto diversi corsi di informatica in diverse aziende. Per tanti Anni ho lavorato come specialista infrastrutture per una grande azienda di servizi, mi occupo di sicurezza. Dal gennaio 2019 sono libero professionista, nel campo enogastronomico Dal 2002 sono membro dell’accademia del peperoncino, dal 2008 sono Sommelier Fisar delegazione Livorno. Da 2013 ho un blog, www.peperonciniedintorni.it dove pubblico notizie enogastronomiche e ricette. Quando nelle ricette uso ingredienti particolari, prima spiego gli ingredienti che uso e poi illustro le ricette. Le mie ricette sono o tradizionali o di mia creazione, cerco di valorizzare i prodotti che uso. Faccio parte della delegazione Slow Food di Livorno, e cerchiamo di far conoscere la natura, specialmente ai bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.