Richieste al nuovo Direttore Generale della FAO

Richieste al nuovo Direttore Generale della FAO

Richieste al nuovo Direttore Generale della FAO
Richieste al nuovo Direttore Generale della FAO

Dal Consiglio Internazionale di Slow Food l’auspicio in vista della nomina del nuovo Direttore Generale della FAO:

«Chiediamo che si schieri apertamente a favore dell’agricoltura familiare, dei sistemi agro-ecologici e del rafforzamento della biodiversità»
Tra pochi giorni, alle Nazioni Unite si terranno le elezioni del nuovo Direttore Generale della FAO (Food and Agricolture Organization).

Il Consiglio Internazionale di Slow Food, riunito a Chiusi (Italia) in occasione del suo meeting annuale per definire la strategia politica dei prossimi anni, auspica che la figura del nuovo Direttore Generale esprima chiaramente la volontà di andare nella direzione del rafforzamento della biodiversità agroalimentare e di modelli che supportino in tutti i paesi del mondo chi produce cibo in maniera sostenibile ed equa.

Slow Food, attraverso la voce dei suoi Consiglieri provenienti da 32 paesi (in rappresentanza dei 160 in cui il movimento internazionale è presente), sottolinea che la FAO –  fondata per contribuire a combattere la fame e la malnutrizione e per migliorare la vita delle popolazioni rurali – in un momento storico in cui l’emergenza ambientale e climatica assume proporzioni globali e le sfide vanno affrontate urgentemente,  avrà un ruolo e una responsabilità ancora più importanti.

I Consiglieri internazionali di Slow Food auspicano che il nuovo Direttore Generale, sulla scia di quanto iniziato dall’attuale Direttore José Graziano Da Silva e tenendo conto del Decennio delle Nazioni Unite per l’Agricoltura Familiare appena iniziato (2019-2028), metta al centro delle politiche FAO nei prossimi quattro anni di mandato:

– la diffusione dei sistemi di produzione agro-ecologici come efficace strumento di tutela dei territori e delle società rurali

– il sostegno all’agricoltura familiare e di piccola scala

– il contrasto alla diffusione degli OGM

– la tutela dei diritti delle popolazioni indigene

– l’attenzione nei riguardi della pesca artigianale per preservare le risorse ittiche dei nostri mari

Slow Food, con le sue centinaia di migliaia di soci e attivisti, continuerà a impegnarsi e a lottare per un sistema alimentare buono, pulito e giusto per ogni persona sulla Terra. E spera di poter perseguire questo obiettivo insieme alla FAO nei prossimi quattro anni.

Fonte Slow Food

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://twitter.com/@calorifi
https://www.pinterest.it/calorifi/
https://www.instagram.com/calorifi/
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici

Pubblicato da peperonciniedintorni

Calogero Rifici nato a Mirto (ME) nel lontano 13 aprile 1958, sono Perito Meccanico e studio cucina, fotografia, elettronica, informatica, ec, ec. Nel 1982 mi sono trasferito a Firenze, per lavorare nel primo impianto di smistamento d’Italia, nel 1984 mi sono sposato con Marina e ci siamo trasferiti a Livorno, sul mare, perché ci nasce sul mare difficilmente ci rinuncia. Per circa 6 anni ho insegnato Office automation in una scuola superiore, ho tenuto diversi corsi di informatica in diverse aziende. Per tanti Anni ho lavorato come specialista infrastrutture per una grande azienda di servizi, mi occupo di sicurezza. Dal gennaio 2019 sono libero professionista, nel campo enogastronomico Dal 2002 sono membro dell’accademia del peperoncino, dal 2008 sono Sommelier Fisar delegazione Livorno. Da 2013 ho un blog, www.peperonciniedintorni.it dove pubblico notizie enogastronomiche e ricette. Quando nelle ricette uso ingredienti particolari, prima spiego gli ingredienti che uso e poi illustro le ricette. Le mie ricette sono o tradizionali o di mia creazione, cerco di valorizzare i prodotti che uso. Faccio parte della delegazione Slow Food di Livorno, e cerchiamo di far conoscere la natura, specialmente ai bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.