pokè

pokè, si pronuncia Poh-kay

Pokè ingredienti
Pokè ingredienti

Poke, si pronuncia Poh-kay lett. “tagliare a pezzi” in hawaiano; a volte scritto poké in ausilio alla corretta pronuncia è un piatto statunitense a base di pesce crudo, servito come antipasto o come portata principale. È uno dei piatti principali della cucina nativa hawaiana.
Le forme tradizionali sono aku (a base di tonno) e he’e (a base di polpo). Il poke he’e è solitamente chiamato in giapponese “tako”, tranne nei posti in cui viene parlata la lingua hawaiana, come l’isola di Niʻihau. L’ahi poke è generalmente fatto con tonno pinna gialla.
Varianti possono includere il salmone o frutti di mare serviti crudi assieme al tipico condimento “poke”.
Il tradizionale poke hawaiano consiste di pesce spellato, sventrato e disossato. Tagliato in filetti trasversali, viene poi servito con condimenti come sale marino, kimchi e alghe marine (dette limu, in particolare limu kohu).
Secondo lo storico della gastronomia Rachel Laudan, l’attuale preparazione dei poke divenne popolare attorno agli anni 1970. Essa prevede un condimento di sale hawaiano, alghe marino, polpa di noci kukui alla griglia.
A partire dal 2012, il poke vide un aumento di popolarità negli Stati Uniti continentali, con un crescente aumento di ristoranti di poke (la maggior parte dei quali ristoranti fast casual).
Negli anni seguenti il poke ha acquisito popolarità anche in Europa. Ad esempio, nel Regno Unito (dal 2017) e in Italia (dagli inizi del 2018), in particolare a Milano.
Altre città dove si può trovare sono Torino, Roma e Rimini.

Il pokè viene servito nelle cosiddette Pokè Bowl che si assemblano in 4 passaggi:

1 – scelta della base (riso sushi, riso integrale, quinoa);
2 – scelta della proteina (tonno, salmone, gamberi al vapore);
3 – scelta della marinatura (condimenti vari per condire il pesce, con combinazioni di salsa di soia, olio di sesamo, latte di cocco etc.);
4 – scelta dei topping (cavolo viola, avocado, wakame(alghe), edamame(fagioli di soia), elementi crunchy etc.)

Il tipo di condimento dei poke deriva dalla tradizione dei pescatori hawaiani, che erano soliti prepararlo con gli scarti del loro pescato e mangiarlo come spuntino. I condimenti tradizionali del poke furono pesantemente influenzati dalla cucina giapponese ed altre cucine asiatiche. Tra i suoi ingredienti principali, infatti, troviamo salsa di soia, cipolle verdi e olio di semi di sesamo. Fra gli altri ingredienti, possiamo trovare il furikake (un misto di pesce e alghe essiccati e semi di sesamo), pezzetti di peperoncino secco o fresco, alghe marine, sale marino, inamona, uova di pesce e cipolle Maui.

un esempio di ricetta Pokè, Mediterraneo

Buon appetito

Se volete preparare delle ricette con pesce non perfettamente cotto, qui potete vedere cosa con viene fare per evitare problemi.

 https://blog.giallozafferano.it/peperonciniedintorni/anisakis/

calogero@peperonciniedintorni.it
https://www.facebook.com/PeperoncinieDintorni?ref=hl
http://peperonciniedintorni.giallozafferano.it
https://plus.google.com/u/0/
https://twitter.com/@calorifi
https://www.instagram.com/calorifi/
https://www.linkedin.com/home?trk=nav_responsive_tab_home Calogero Rifici

pokè
pokè
Precedente Natale, il panettone vince ancora la sfida con il pandoro Successivo Hamburger di Ceci

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.